In crisi la via dello shopping: «Troppe saracinesche chiuse»
Le saracinesche abbassate di via Dezza (foto Cornalba)

Melegnano, in crisi la via dello shopping: «Troppe le saracinesche chiuse»

Via Dezza, Confcommercio: «Servono più parcheggi e una diversa viabilità»

Stefano Cornalba

Con una decina di saracinesche abbassate, è ancora allarme rosso per il commercio di via Dezza a Melegnano, dove negli ultimi anni ben 12 negozi hanno alzato bandiera bianca. In questi giorni a lanciare l’allarme è Confcommercio Melegnano, che è tornata alla carica sulla necessità di realizzare nuovi parcheggi, rivedere il senso unico in via Conciliazione e riqualificare l’arredo urbano per rilanciare i negozi di vicinato presenti in zona Borgo.

«Negli ultimi anni abbiamo rilevato la chiusura di almeno 12 attività in via Dezza, che conta complessivamente la presenza di una cinquantina di esercizi commerciali - spiegano la presidente Caterina Ippolito e il segretario Cesare Lavia -. Alcuni negozianti sono andati in pensione, altri hanno dovuto fare i conti con la crisi, c’è stata anche l’apertura di nuove attività. Ancora oggi sono in ogni caso una decina le saracinesche abbassate lungo una delle strade per eccellenza dello shopping locale: stiamo insomma parlando di una situazione di profonda sofferenza, che rende necessaria un’immediata presa di posizione da parte dell’amministrazione alla guida della città».

A nome dei negozianti del Borgo, i vertici della Confcommercio esortano quindi palazzo Broletto a trovare una soluzione per far fronte alla perdurante crisi del commercio nella zona di via Dezza. «Come ribadito a più riprese dallo stesso sindaco Rodolfo Bertoli, invitiamo a dare attuazione pratica alla creazione di un parcheggio da un centinaio di posti auto nell’ex serra tra via Cesare Battisti da un lato e la via Emilia dall’altro, che dista solo poche decine di metri dai negozi presenti in via Dezza - continuano Ippolito e Lavia -. Il posteggio al di là della statale nella zona del cimitero risulta isolato, scomodo e poco funzionale. A nostro avviso diventa fondamentale risolvere il rebus del senso unico in centro città, che ha portato a un drastico calo degli affari per i negozianti del Borgo: complice l’impossibilità di percorrere via Conciliazione verso via Frisi, gli automobilisti in arrivo da viale Predabissi sono disincentivati a raggiungere via Dezza. Il tutto completato dalla necessità di riqualificare l’arredo urbano e rivedere il Piano sosta, altri due elementi essenziali per rilanciare il commercio del Borgo e più in generale dell’intera città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.