VIDEO - Vodka e politica dietro il tentato omicidio del camionista
I carabinieri sul luogo dell’aggressione, avvenuta domenica nel tardo pomeriggio nel parcheggio dell’area di servizio Esso sulla via Emilia tra Tavazzano e Sordio

VIDEO - Vodka e politica dietro il tentato omicidio del camionista

I carabinieri hanno accertato che dietro la feroce aggressione avvenuta a Sordio ci sono state abbondanti libagioni e una discussione su Stalin

I carabinieri della stazione di Tavazzano, della compagnia e del nucleo investigativo del comando provinciale di Lodi hanno accertato che dietro la feroce aggressione ai danni di un collega ucraino di 47 anni, da parte di un camionista 59enne bielorusso (ma nato anche lui in Ucraina) ci sono state abbondanti libagioni di vodka, con un tasso alcolico di circa 2 grammi per litro di sangue per il picchiatore, e una discussione iniziata ore prima sulla politica dei loro Paesi, al culmine della quale i testimoni hanno sentito rievocare persino il segretario generale del Partito comunista dell’Unione Sovietica della metà del secolo scorso Stalin. L’aggressore in mattinata è stato sottoposto a interrogatorio di garanzia, e si è avvalso della facoltà di non rispondere, ed è indagato per tentato omicidio aggravato dai futili motivi. La vittima è ancora in serio pericolo di vita, soprattutto per gravi lesioni alla testa. L’aggressione era avvenuta domenica scorsa alle 17.45 nel parcheggio dell’area di servizio Esso sulla via Emilia tra Tavazzano e Sordio dove i camionisti, assieme ad altri tre colleghi con i rispettivi tir, sarebbero rimasti fermi fino a questa notte nel rispetto del blocco dei veicoli pesanti durante le festività.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola mercoledì 8 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.