Sant’Angelo, un fiume di affetto per Giulia
La scena dell’incidente

Sant’Angelo, un fiume di affetto per Giulia

La ragazza - 24 anni - è morta al San Matteo dieci giorni dopo il terribile incidente del Pavese

Sant’Angelo Lodigiano

Sant’Angelo piange la giovane Giulia Cantoni. La 24enne è morta martedì all’ospedale San Matteo di Pavia, dieci giorni dopo il terribile incidente in cui era rimasta coinvolta in località Tornello di Mezzanino, in provincia di Pavia. Anche il Comune di Sant’Angelo, sulla propria pagina Facebook, ha condiviso la notizia apparsa ieri sui social del «Cittadino».

Cresciuta a Sant’Angelo Lodigiano, dove aveva frequentato le scuole, da otto anni Giulia viveva con la madre ad Albuzzano, ma a Sant’Angelo aveva lasciato tanti sorrisi e conservato amicizie e legami. E l’affetto e la commozione della città si è riversato sui social, dove in tanti hanno iniziato a lasciare messaggi in sua memoria, tra incredulità, stupore e rabbia per una giovane vita finita troppo presto. Tanti anche gli amici che avevano raggiunto, in questi giorni di attesa, il Policlinico San Matteo di Pavia, insieme anche ai colleghi del centro logistico di Zalando, nell’Oltrepò, dove la ragazza lavorava. Nei corridoi speravano, con la loro presenza cercavano di trasmettere forza e coraggio alla famiglia e di far sentire in qualche modo la loro vicinanza anche alla giovane, che non ha però mai ripreso conoscenza in tutti questi giorni.

Il profilo Facebook del Comune di Sant’Angelo Lodigiano

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola mercoledì 27 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.