VIDEO - Abusi su una settantenne: fermato 29enne lodigiano. «Era un seriale»
Il vice questore Alessandro Battista e il commissario capo Michele Mei

VIDEO - Abusi su una settantenne: fermato 29enne lodigiano. «Era un seriale»

Operazione della squadra mobile della questura e dei carabinieri di Milano, l’uomo è accusato di rapina e violenza ai danni di almeno quattro donne

Lodi

La squadra mobile della Questura di Lodi e i Carabinieri di Milano Duomo hanno sottoposto a fermo nelle scorse ore un uomo di 29 anni residente a Lodi e domiciliato a Dovera, ma nativo della Sicilia. L’uomo è accusato di una serie di rapine e violenze ai danni di donne, soprattutto prostitute, avvenute nelle scorse settimane tra il Cremasco, Lodi e anche a Milano, dove tra le vittime risulta anche una donna di 70 anni. L’ultima residenza conosciuta del 29enne era a Villanova Sillaro, dove la squadra mobile di Lodi era andata a cercarlo dopo che una sua conoscente 55enne l’aveva accusato di averla tenuta segregata sotto minaccia per una notte in un motel di San Martino in Strada. Era maggio, e da quel giorno sembrava sparito. L’altra notte invece era stata una 52enne colombiana che l’aveva ricevuto in casa in un appartamento all’Albarola a Lodi a chiamare la polizia denunciando di aver subito un tentativo di rapina. Ma é anche emerso che una decina di giorni fa una donna dell’Est Europa l’aveva denunciato ai carabinieri a Dovera sostenendo di essere stata aggredita. I carabinieri erano intervenuti, ma non essendoci la flagranza di reato la magistratura cremonese non aveva disposto l’arresto e non aveva ritenuto la ricostruzione della donna così solida da giustificare un fermo. E proprio a Dovera, nella casa di un amico, è stato fermato ieri dalla polizia di Lodi.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 15 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.