Raid al bancomat, via 50mila euro I ladri ripresi da venti telecamere
Il bancomat fatto saltare dai ladri: oltre al bottino, anche i danni sono ingenti

Raid al bancomat, via 50mila euro I ladri ripresi da venti telecamere

Carabinieri al lavoro dopo l’esplosione di venerdì notte al centro commerciale “Le Torri” di Sant’Angelo

Venti telecamere hanno ripreso l’azione della banda che venerdì notte ha fatto esplodere il bancomat presente all’interno del centro commerciale “Le Torri” di Sant’Angelo. Immagini che ora sono in mano ai carabinieri di Lodi e dalle quali emergerebbe anche la presenza, a bordo di una delle auto, di due bambini.

Le indagini quindi sono in corso e per prima cosa i militari hanno verificato le targhe delle auto con cui i malviventi sono arrivati nel parcheggio.

Il bancomat preso di mira dalla banda era stato caricato da poco

La scientifica inoltre ha rilevato parecchie impronte attorno al bancomat: non sarà facile “isolare” proprio quelle dei ladri tralasciando invece quelle di chi si è limitato a fare un prelievo. Il bottino è ingente, ancora da stimare con esattezza, ma comunque attorno ai 50mila euro. Del resto il bancomat era stato caricato da poco, appunto il venerdì sera, e avrebbe dovuto erogare contanti fino al lunedì mattina. La banda quindi è arrivata a Sant’Angelo intorno all’una di notte, con due auto di colore grigio. Per oltre mezz’ora però tutti sono rimasti a bordo, in attesa che l’area fosse completamente deserta. Fino all’una infatti nella sala da biliardo del centro si è svolto un torneo. Solo all’1.47, come testimoniato dalle telecamere, sono entrati in azione. In due, con il volto coperto da un cappuccio, si sono avvicinati al bancomat e con il gas infiammabile lo hanno fatto esplodere. Altri due, insieme ad altre due persone di bassa statura che secondo i carabinieri potrebbero essere bambini, sono rimasti in auto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.