Mentre è in cerca di funghi trova una discarica di lastre di eternit
Il cumulo di materiale inquinante scoperto da un cercatore di funghi nei pressi della roggia Muzzetta

Zelo, mentre è in cerca di funghi trova una discarica di eternit

La scoperta accanto alla roggia Muzzetta e a pochi metri dalla provinciale per Lodi

Va in cerca dei funghi, ma trova una montagna di eternit. Sotto gli occhi di un cittadino zelasco, che aveva deciso di passare il mercoledì a contatto con la natura, sono comparsi almeno una decina di lastre ridotte a brandelli e quindi particolarmente pericolose. Si trovava accanto alla roggia Muzzetta, a circa 150 metri dalla strada provinciale 16, che collega Zelo a Lodi. Il cercatore di funghi non si è avvicinato troppo, attento a non respirare le polveri di cemento amianto, ma ha documentato la sua scoperta attraverso delle foto che ha provveduto a inoltrare alla polizia locale dell’Unione Nord Lodigiano e al Comune di Zelo che ha interessato il Parco Adda Sud, trovandosi lo scarico all’interno dei confini dell’area protetta.

«Si tratta di un cumulo di amianto a una ventina di metri di distanza dalla Muzzetta – fa sapere il consigliere comunale Sergio Groppaldi, che personalmente si è recato sul posto -. Lo scarico è avvenuto al chilometro 8+700 della provinciale 16, anche se è poco chiaro come vi sia stato accesso al fondo, che è piuttosto isolato. Trattandosi di un rifiuto pericoloso speciale, oggi (ieri per chi legge) abbiamo allertato il Parco che ci ha comunicato che redigerà un proprio verbale attraverso le guardie ecologiche volontarie».

Sergio Groppaldi

Nell’attesa che l’iter burocratico consenta la rimozione dei rifiuti, Groppaldi promette che «Faremo il possibile per individuare il responsabile di questo abbandono nelle nostre campagne; ricordo che alcune delle lastre erano già parzialmente frantumate. Il materiale, posto sotto sequestro, verrà rimosso al più presto, compatibilmente ai tempi burocratici. Un grazie al cittadino che ha segnalato l’eternit, da parte nostra noi abbiamo un piano di controlli predisposti dall’ufficio ecologia del Comune in relazione alla situazione di emergenza dopo l’abbandono nei mesi precedenti di fusti contenenti oli esausti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.