La storia di Giovanni Ghianda, macellaio a Melegnano da 60 anni
Giovanni Ghianda con la moglie Maria Grossi

La storia di Giovanni Ghianda, macellaio a Melegnano da 60 anni

Al suo fianco nel negozio di via Vittorio Veneto la moglie Maria Grossi

A soli 13 anni ha iniziato come giovanissimo garzone: tra pochi mesi saranno 60 anni dietro il bancone. «Negli anni Ottanta c’erano 23 macellai, oggi siamo rimasti in tre, ma non ho intenzione di alzare bandiera bianca». È la storia del popolare macellaio di Melegnano Giovanni Ghianda, che da quasi mezzo secolo gestisce con la moglie Maria Grossi la storica bottega in via Vittorio Veneto non lontano dalla via Emilia. «Ero solo un ragazzino quando ho iniziato, alla macelleria di Enrico Rossetti in via San Martino - racconta il 72enne -. Poi mi spostai prima a Milano e poi di nuovo a Melegnano, da Ambrogio Oriani in via Dezza. E dopo oltre un decennio di gavetta, nel 1971 aprii una bottega tutta mia». Ora, con la moglie alla cassa e Ghianda dietro il bancone, la macelleria è diventata un punto di riferimento per la realtà locale.«Da 23 macellerie, oggi siamo rimasti in tre, purtroppo nessuno vuole più continuare l’attività dei nonni e dei padri - ribadisce -. Anche per me sarebbe arrivata l’età della pensione, ma non mi ci vedo a casa in pantofole: chi si occuperebbe poi dei nostri affezionati clienti? Li ringrazio di cuore per la grande fedeltà dimostrata in tutti questi anni, senza la quale sarebbe stata impossibile un’attività tanto longeva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.