Il malore in piazza: la signora salvata da un ragazzo di 21 anni
La polizia locale e l’automedica in piazza a Lodi

In arresto cardiaco in piazza: la signora salvata da un ragazzo di 21 anni

Ha praticato il massaggio cardiaco prima dell’arrivo dei soccorritori

È ancora emozionato Antonio Talia, 21enne di Ossago, il giorno dopo aver contribuito a salvare la vita alla donna di 70 anni che lunedì mattina si è sentita male in piazza Vittoria. Al telefono con il 118, ha praticato infatti per primo il massaggio cardiaco per almeno due minuti, prima dell’arrivo della polizia locale e dell’ambulanza.

«Intorno a lei c’erano diverse persone, ma nessuno faceva niente. Allora ho preso l’iniziativa» spiega. Qualcuno invece ha filmato la scena con il cellulare, ma poi è stato allontanato dagli agenti.

Lui era a Lodi con la fidanzata per fare il vaccino alla figlia di soli nove mesi. «È la mia ragazza che si è accorta della donna, mentre andavamo a prendere la macchina - aggiunge -. Era a pancia in giù, con tantissime persone intorno. Quando siamo arrivati ho chiesto se avessero chiamato il 118, e mi hanno detto di sì, ma nessuno faceva niente, si limitavano ad aspettare l’ambulanza. Poi il 118 ha richiamato la persona che aveva dato l’allarme, ha chiesto com’era la donna e ha detto di girarla. L’ho fatto io». «Non respirava - continua - e non aveva battito, gli occhi erano spalancati. Mi sono fatto passare il telefono e il medico mi ha chiesto se sapevo fare il massaggio cardiaco, gli ho risposto di no e lui mi ha spiegato come fare. Così ho iniziato, restando in linea». Per circa due minuti è andato avanti lui, poi è subentrata la polizia locale e infine i sanitari con il defibrillatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.