Sequestrata un’area di stoccaggio
I sigilli posti dai carabinieri della Forestale intorno al grande cortile sterrato della Lodigiana Maceri

Sequestrata un’area di stoccaggio alla Lodigiana Maceri

I carabinieri della Forestale mettono i sigilli in via preventiva al cortile sterrato dell’azienda di Marudo

È finita sotto sequestro preventivo l’area di stoccaggio della Lodigiana Maceri di Marudo, i carabinieri del gruppo Forestale di Lodi hanno messo i sigilli al grande cortile sterrato dell’azienda. Continua invece normalmente la lavorazione nell’impianto di trattamento rifiuti. A essere contestata all’azienda è la quantità di rifiuti accatastati, superiore al limite previsto dall’autorizzazione della Provincia per la parte di stoccaggio immediato, cioè il quantitativo giornaliero previsto.

I carabinieri della Forestale hanno messo i sigilli all’area giovedì, accompagnati dai tecnici dell’Arpa. L’area con i sigilli è quella adiacente l’impianto di produzione, dove erano stoccati carta e legno.

I rilievi preliminari sono stati effettuati con il drone dell’Arpa, che dall’alto ha dato una prima conferma visiva ai dubbi del gruppo Forestale. Così è stato apposto il nastro rosso e bianco, e l’area interdetta all’entrata dei mezzi anche con l’ausilio di un macchinario della ditta stessa, ora sistemato davanti l’ingresso. La zona è quella dove si trovano i nuovi capannoni in costruzione, necessari per il trasloco dell’impianto di 50 metri lontano dalle abitazioni, procedura avviata nel 2014 per recuperare la piena produttività dopo il devastante incendio del 2011.

L’area posta sotto sequestro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.