Da 73 anni suona nella banda: «È iniziato tutto per passione»
Radaelli, vera e propria anima dello storico corpo musicale San Giuseppe

Da 73 anni suona nella banda: «È iniziato tutto per passione»

L’86enne melegnanese Giovanni Radaelli non ha intenzione di mollare l’amato clarinetto

«Ho iniziato 13enne, oggi sono 86 le primavere: i miei 73 anni nella banda tra concerti, funzioni ed eventi» Inizia così il racconto del popolare Giovanni Radaelli, vera e propria anima dello storico corpo musicale San Giuseppe di Melegnano che, nato nel 1921 all’interno dell’oratorio in via Lodi, tra un paio d’anni soffierà addirittura su 100 candeline. «Complici gli zii materni che suonavano nelle bande e nelle orchestre del territorio, la passione per la musica è nata sin da bambino» racconta l’86enne Radaelli.

«Mio padre Gaetano, invece, non aveva orecchio per la musica, ma fu lui a regalarmi la prima fisarmonica quando avevo solo 11 anni: ricordo come fosse ieri la felicità che provai, finalmente il mio sogno si era avverato». Dopo un paio d’anni Radaelli entrò nel corpo musicale San Giuseppe suonando il clarinetto piccolo in Mi bemolle, strumento che lo vede ininterrottamente protagonista da 73 anni.

«Il primo servizio con la banda risale al settembre 1946, la festa della Madonna dei Servi - scava ancora nei ricordi del passato -: allora il maestro era l’indimenticabile professor Agostino Reati, che nel 1928 aveva assunto la direzione artistica dopo la morte del fondatore don Crispino Sala». In quel caso con il sax contralto, dagli anni Cinquanta Radaelli ha suonato anche in gruppi musicali e orchestre, che si esibivano soprattutto negli oratori di Melegnano e al locale circolo Acli, del cui direttivo ha fatto parte per diversi anni in qualità di amministratore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.