Spunta il parco della Memoria: oltre 100 piante ai cittadini illustri
Sopra il rendering del “bosco” e sotto il rendering dell’ingresso

Spunta il parco della Memoria: oltre 100 piante ai cittadini illustri

Melegnano, l’apertura del sindaco al progetto dopo le 1273 firme raccolte

Un’ondata di verde sulla città di Melegnano: un altro “polmone”, questa volta con un significato ben preciso. Arriva il via libera del sindaco Rodolfo Bertoli al bosco della memoria tra il cimitero e la via Emilia, che prevede la piantumazione di 120 alberi in onore dei melegnanesi illustri. La base di partenza per la selezione di nomi sarebbero i 174 cittadini di cui lo storico don Cesare Amelli (1924-2002) racconta le gesta in un libro scritto nel 1999. L’iniziativa è stata proposta dall’associazione Left and the City.

Tra i nomi più gettonati, oltre a quello dello stesso don Amelli, ci sono il vescovo Carlo Bascapè, i sacerdoti monsignor Alfredo Francescutto e don Giovanni Candia, il missionario Angelino Bianchi, il fondatore degli scout Cesare Bedoni, i medici Vincenzo Benini e Angelo Bozzini, lo scrittore Giovanni Colombo, il filantropo Pellegrino Origoni, lo scienziato Paolo Frisi, la religiosa Rosa Gramatica, l’eroe partigiano Leo Lazzari, l’attore di teatro Enrico Maghini, lo scultore Vitaliano Marchini e lo scienziato Carlo Parona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.