VIDEO - Lodi, la protesta delle maestre
Una scuola primaria di Lodi (archivio)

VIDEO - Lodi, la protesta delle maestre

Manifestazione di un centinaio di docenti in centro per difendere il posto di lavoro

Cristina Vercellone

Lodi

Un centinaio di maestre (secondo gli organizzatori) in corteo a Lodi oggi (sabato) per protestare contro i 39 licenziamenti effettuati in provincia. Dal 15 ottobre le maestre senza laurea, assunte da anni a tempo determinato e indeterminato, resteranno a casa, sia alle materne che alle elementari. «Quelle a tempo determinato - spiegano le docenti in corteo con fischietti e sacchi dell’immondizia, arrivate anche da altre regioni d’Italia - prenderanno la Naspi, per quelle a tempo indeterminato, l’Inps non prevede alcun sussidio di disoccupazione. Il licenziamento è l’esito della sentenza del Tar del Lazio che ha rigettato il ricorso delle maestre. L’unica soluzione ora, sul piano giuridico, è il ricorso al giudice del lavoro. Martedì resteranno a casa però e le classi rischiano di restare scoperte. Le scuole dovranno reinserirle nella seconda fascia della graduatoria d’istituto, ma ci vorrà del tempo». A manifestare la loro solidarietà sono arrivati anche il senatore Luigi Augussori (Lega) e il responsabile del sindacato Anief di Lodi Salvatore Mazzurco. Augussori ha parlato a nome di Mario Pittoni, presidente della commissione istruzione al Senato.

Leggi l’approfondimento sull’edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 14 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.