«El vör stà servid?». ’l viandant quan el pasa davanti a l’üs de cà

«El vör stà servid?». ’l viandant quan el pasa davanti a l’üs de cà

di Modesto Tonani

Mei pulenta in cà tua che pitansa ‘ cà d’i olter – el regiù urguglius de menà de lena el sul in d’un pariöl che ‘l benediva ‘l fögh tegnüd impis da la regiura ch’l’era semp’r a bot, perché, anca ‘l declinà d’utuber, le bagule i en bune da fà buj, pöӧ ghe vör i cundimenti per le prime süpe: lard pest, du margarine, ‘na qual feša d’aj, ‘na sigula; tüt sü ’l fögh fin che’l gnea maron; nel menter te mangevi ‘ graton, el diventeva ‘l cundiment p’r un mes da cumpesà cun tanta remision. Cirlin la ‘ndea dal butighè a tö cinch ghèj de Repüblica: un scartos cu’n po’ de cülatin, scarti de salam, parsüt e cudeghe… el Marbré l’era püsè fin, ‘na furma de salam tajad a fete, ma la sustansa l’era quela.

La dota per la minestra la vendeva ‘l papà. Nona Rušina la feva ‘l ragò che ‘l prufümeva de buntà: i eru i tochi de pulaster misi ‘nsema cun manera da la prima regiura d’la tradision paisana. E men che men, an p’r el nudar d’l’anada, gh’n’era d’avans cun giande ‘ nus, oche ch’er ‘dré ven prunte per l’ula, melgon da scartusà suta la losa, Madona del Rusari da pregà, caciadù e can, infularmadi tame p’r endà ‘n guera šu per le stradele da Munteslin fin dré la nosta Ada bela regues’cia per la prima piöva. A utuber, in vista del cuncurs d’i presepi, gnea ‘ cà le piote de tepa, mise sü’l casinot a sügà. Al Bas, Cirlin la se ‘mpruiseva fungiat, a cà pà Giuanin el feva ‘l test cun des franchi per ved se ‘l gnea negher. E semp’r al Bas se fea l’ültima legna per la stüa da spasà ogni tri dì.

E men che men, la vienda che me cur incuntra da che sem al mund, fai sü ‘n d’una pelicia d’agnelin, ‘n s’la moto d’le tante piante che se cur adré, ‘nturciada ‘n d’le tante storie ch’i m’àn fai diventà om, velada ‘n d’un sul d’utuber che marüda pü gnent, in un autüm strüsiad de nustalgia e remision, la parla d’armunia e cumpasion…

A Mumbertin, i primi d’utuber del ’59, riveva ‘na fiulina cu’ na bicicletina rusa trai insema ‘ la bel e mej da sò šiu Giani set eti. Cinch ghei de furmaj trid, quat’r ani ‘pena cumpidi, la gh’eva ‘dos l’argent e la se fermeva davanti a gnent:

- De chi set fiöla? – De me papà e mè mama. – Và che sfaciada, du’ stet de cà? A Cucinel ‘nsema ‘ mè nona. – Và che lipreta, chi ela tò nona? – Rusina masera s’la gneva buna, sedenura la mama de mè mama… Gnea ‘ lö anca ‘na qual sasada ‘i pori, miga tant, padron d’un mund fai sü ‘n d’i strasi. Girenda ‘ destra, dopu la mè sculina, due ‘n qual dì prima evi ‘ncuntrad la mè maestra bela, pasad el Madunin, sfilad la ceša e rivada sü l’era d’le cà bianche, Teršin la s’er fermada ‘n costa ‘l camp d’i tanti tornei de balon per met d’acordi ‘l diaul cu’ l’aqua santa. Gh’era ‘n fiulin cu’l can e un lib’r in man, quat’r ӧögi e du stanghete fai sü ìn d’un bris de remision. E nel sul d’una giurnada cume tante, dü curin bej ‘ s’an guardadi ne la stesa menda: - Gesü Bambin l’è sü l’altar e ‘l m’à mis al mund cu’i ӧögi per guardà davanti… Serem cuntenti e s’em piasüdi quasi p’r un istint che fà d’la nosta vita una mision: purtà un po’ d’armunia due gh’è miseria e abandon.

– Diu prima i a fà e pӧöi a cumpagna. A cà la nona l’era ‘n po’ ‘n cuntumbula, ma quan l’à vist rivà ‘l sò fagutin fai sü ‘n d’un sogn l’è diventada la prima cunfidenta d’un amur de quei che nas p’r una magia che se ciama vurès ben siamesesia. Furse ‘l fiulin cu’l lib’r in man e’l sò Bilin cuin l’era ‘na sorta de vision tirada föra da le suore, dal papà che ‘l ghe parleva d’i sò tanti libri, magari da la nona ch’la dubigheva ‘ uns a uns quan mama Marieta l’era ‘n let cunfencia. Un liber, arma mai pü finida, che ‘nvece de masà ‘l porta la libertà, el m’à tegnüd da cünt p’r un temp mai pü finìd, quan sü la scansia d’un vendidur de füm, la mè Cirlin l’à vist èl sogn fai sü ‘n d’un triciclin che ‘l rampegheva ‘n mund davanti a ‘n üs cun dü basej. ‘El vör stà servid!?’, cumpliment che ‘l paisan de Lumbardia ‘l fà ‘l viandant de suravia quan el pasa davanti a l’üs de cà, magari, propi ‘dré ‘l disnà… E la pulenta de Tognu ‘des la mangem insema tüti ‘ dì, e buna per tri… e ‘A Santa Teresa sumena ‘ distesa’, che quan ven šu, dopu, ven sü… e semper punti al giӧgh, magari, inturnu al fögh che’l tens le noste storie de quel che se ghe vör: un’idea d’amur cundida d’amicisia e ’n po’ de cör…

tino.vet@libero.it

Marieta e Giuanin pipeta

«VUOLE ACCOMODARSI»: AL FORESTIERO QUANDO PASSA DAVANTI ALL’USCIO DI CASA (traduzione letterale)

Ottobre è simile ad un pittore di 3 colori: l’arancio che vira al rosso dei suoi tramonti e degli alberi che diventano ruggini, il giallo di un sole malato che non matura più nulla e delle foglie che vanno incontro al loro destino ed il grigio delle prime nebbie che nascondono un mondo pieno di fatica e di bisogno. Conclusa la vendemmia, ottobre declina verso la stagione contraria. Piove sempre più spesso; si arano i campi per seminare il frumento: ‘Chi ara ad ottobre, raccoglie a giugno’; ‘O molle o asciutto, per San Simone semina tutto’; ‘ Per San Simone togli il bue dal timone e metti la stanga nel vangone’. La polenta soddisfa, il formaggio consola e il burro unge la gola.

- Meglio polenta a casa tua che pietanza in casa d’altri – il capofamiglia orgoglioso di menare di lena il sole in un paiolo che benediva il fuoco tenuto vivo dalla padrona di casa sempre indaffarata, perché, anche al declinar d’ottobre, le frottole san di poco, poi ci vogliono i condimenti per le prime zuppe: lardo pestato, due margarine, qualche fesa d’aglio, una cipolla; il tutto sul fuoco fin che diventava marrone; mentre mangiavi i ciccioli, diventava il companatico per un mese da gestire con tanta parsimonia. Cirlin andava dal bottegaio a comprare 5 centesimi di Repubblica: un cartoccio con un po’ di scarti di salame, prosciutto e cotiche… il Marbré era più fine, una sagoma di salame tagliato a fette, ma la sostanza era quella. La dote per la minestra la vendeva il papà. Nonna Rosina preparava il ragò che profumava di bontà: erano i tagli di pollo preparati con maestria dalla più alta espressione della tradizione contadina. E nondimeno, anche per il notaio dell’annata, c’era da perdersi con ghiande e noci, oche ormai pronte per l’olla, mais da spannocchiare sotto la losa, Madonna del Rosario da pregare, cacciatori e cani, esagitati come per andare in guerra giù per le stradine di Monticellino fin lungo la nostra Adda già in guardia per le prime piogge. A ottobre, im vista del concorso dei presepi, arrivavano a casa le falde di muschio, messe sul fienile ad asciugare. Al Bas, Cirlin si improvvisava fungaiola, a casa papà Giovannino faceva il test con dieci cents per vedere se si anneriva. E sempre al Bas si faceva l’ultima legna per la stufa da spazzare ogni giorni. Pertanto, la vicenda che ci corre incontro da che siamo al mondo, avvolta in una pelliccia d’agnellino, sulla moto delle tante piante che si rincorrono, avviluppata nelle tante storie che mi hanno reso uomo, velata in un sole d’ottobre che non matura più niente, in un autunno contrito di nostalgia e remissione, parla d’armonia e compassione…

A Mombertino i primi d’ottobre del ’59, arrivava una bimba con una biciclettina rimediata alla meglio da suo zio Gianni. Cinque cents di formaggio trito, quattro anni appena compiuti, intrepida quanto indomita.

- Di chi sei figlia? – Di mia mamma e mio papà. – Guarda che sfacciata – Dove abiti? A Coccinello con mia nonna. – Guarda la viperetta - Chi è tua nonna? - Rosina Masera - se del caso, altrimenti - La mamma di mia mamma… Capitava anche qualche sassaiola coi timidi, mica tanto, indigeni di un mondo avvolto negli stracci. Girando a destra, dopo la mia scuolina, dove qualche anno prima avevo incontrato la mia maestra bella, passato il Madonnino, sfilata la chiesa e arrivata sull’aia delle case bianche, Teresina si era fermata di lato al campo dei tanti tornei di calcio per mettere d’accordo il diavolo e l’acqua santa. C’era un bambino col cane e un libro in mano, quattr’occhi e due stanghette avvolti in un briciolo di remissione. E nel sole di un giorno come tanti, due cuori benedetti si sono incrociati: - Gesù Bambino è sull’altare e ci ha messi al mondo con gli occhi per guardare avanti… Eravamo contenti e ci siamo piaciuti quasi per un istinto che fa della nostra vita una missione: portare un po’ d’armonia dove ci sono miseria ed abbandono.

- Dio prima li fa e poi li accompagna. A casa la nonna era un po’ preoccupata, ma quando ha visto arrivare il suo fagottino avvolto in un sogno è diventata la prima confidente di un amore di quelli che nascono per una magia che si chiama volersi bene comunque sia. Forse il bambino col libro in mano ed il suo Bilin cuin era una sorta di visione tirata fuori dalle suore, dal papà che le parlava dei suoi tanti libri, magari dalla nonna che la istruiva piano piano quando mamma Marietta era a letto malata. Un libro, arma infinita, che invece di uccidere porta la libertà, ci ha tenuti in arnese per un tempo infinito, quando sullo scaffale di un venditore di fumo, la mia Cirlin dal pes ha scorto il sogno avvolto in un triciclo che arrampicava un mondo davanti ad un uscio di casa con due gradini. ‘Vuole accomodarsi’!?’, complimento che il contadino di Lombardia fa al forestiero quando passa davanti all’uscio di casa, magari proprio all’ora di pranzo… E la polenta di Tonio ora la mangiamo tutti i giorni, e così sia… e a Santa Teresa semina a distesa, che quando piove, poi cresce… e sempre punti al gioco, magari intorno al fuoco che dà alle nostre storie il tocco necessario: un’idea d’amore condita d’amicizia e un po’ di cuore….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.