Via ai lavori per la nuova logistica
Il maxi capannone di Santa Giulitta è destinato ad ospitare un’attività di logistica

Meleti, partono i lavori per la nuova logistica nel capannone dimenticato

Il complesso abbandonato era stato interessato dall’inchiesta nazionale sul traffico illecito di rifiuti

Prendono il via i lavori all’interno del maxi capannone di Meleti, a suo tempo interessato da un’inchiesta nazionale sul traffico illecito di rifiuti. Da gennaio il manufatto logistico ospiterà 2020 un magazzino di multi-prodotti finiti (non deperibili), a completamento di un intervento che la proprietà Mesole srl ha commissionato all’impresa esecutrice Kopron. Ancora ignoto il nome dell’azienda che gestirà l’impianto. Secondo indiscrezioni l’attività di logistica che si insedierà nei circa 30mila metri quadrati di capannone affittato, dovrebbe contare su una cinquantina di nuovi addetti.

Il maxi capannone - ribattezzato popolarmente “ecomostro” – fu costruito circa un decennio fa in località Santa Giulitta, in aperta campagna (come da previsione di uno strumento urbanistico di circa 20 anni prima): l’edificio avrebbe dovuto ospitare una attività di imballaggio di articoli sportivi ma, questa attività non partì mai. Così nella Bassa l’”ecomostro” non solo rimase un danno (paesaggistico, si intende), ma divenne presto una beffa.

E alcuni mesi fa fu persino trascinato in una delicata inchiesta di traffico illecito di rifiuti, poiché al proprio interno erano stati scoperti dai carabinieri rifiuti stoccati illecitamente (la proprietà è risultata estranea ai fatti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.