«L’Archivio storico all’ex Linificio»
Uno scorcio dell’ex Linificio, storico complesso a ridosso della linea ferroviaria, solo in parte recuperato e riconvertito a nuove funzioni

«L’Archivio storico all’ex Linificio di Lodi»

L’amministrazione Casanova punta a trasformare l’edificio storico in un nuovo polo culturale

Matteo Brunello

L’ex Linificio diventerà la nuova sede dell’archivio storico. È il progetto dell’amministrazione Casanova, che è stato presentato anche alla soprintendenza. «Questo è un obiettivo di mandato, quindi entro il 2022 – dichiara il vice sindaco e assessore alla Cultura di Lodi Lorenzo Maggi –, tra la fine dell’anno e l’inizio del 2020 invece provvederemo al trasloco del servizio in una sede provvisoria, che individueremo attraverso un bando di gara».

L’archivio storico è chiuso dal 15 aprile, a causa delle condizioni dell’immobile di via Fissiraga.

I problemi sono legati agli impianti e alla necessità di trovare locali idonei, dove poter conservare antichi documenti e faldoni in modo da evitare il degrado. Il Broletto si era messo alla ricerca di altri spazi dove poter trasferire la mole di atti (circa 3,5 chilometri lineari di documentazione). Quasi subito sono state scartate la sede della Provincia di Lodi (l’ex convento di San Domenico o San Cristoforo) e la fiera di Lodi, il centro espositivo di San Grato di proprietà della società controllata dall’azienda a controllo pubblico-privato Lodinnova.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.