I dìŝun süi so cartèi: “l’è la nòsta cà e gh’ém apéna quéla”

I dìŝun süi so cartèi: “l’è la nòsta cà e gh’ém apéna quéla”

di Maddalena Negri

Franco Albertini, un om de Caŝàl ch’el gh’à mìla interèsi, fra l’àltor el gh’à la pasiòn per la futugrafìa. Un po’ de témp fà el m’à fài véd ‘na futugrafìa ch’l’à scatàd a Milàn in làrgo Cairoli. Dàto che pödi no fàvla véd, vla descrìvi: gh’è dü spuŝìn stàdi sü ‘na banchìna, man n’la man, e intànt se véd rivà un tram. Lé la gh’à sü un vestìd da spùŝa biànch, grànd, lungh che tùca tèra, tüt pìsi e ricàmi; lü el gh’à ‘na müda blö elegànte. L’è ‘na fòto stupénda ànca cùme significàto e la m’à ispiràd ‘na puéŝìa.

GH’È LA CRÌŜI : De danè gh’n’è pòchi / ànca a Milàn, / ma l’amùr, l’è l’amùr! / “Vurém spuŝàs” / Èl mùtuo l’ém fài / in vinticìnq àni el pagarém. / Al post del prànso / ‘na merénda cun pan e salàm, / ma al vestìd biànch / s’pöd no rinuncià!

Lé la ghe pénsa fin da fiuléta: / lungh, vapurùŝ. / Lϋ gh’la regàla cun tϋt el so cör. / La césa l’è prùnta: / èl spùŝ l’è imparslàd, / ‘rìva la spùŝa / cùi lacrimòn e i òci brilénti! / Dϋ “sì” per la vìta ai pè de l’altàr. / Èl viàggio de nòsse? / Gnànca a parlanù, / s’và in piàsa del Dom a festegià. / Man nèla man: / lè , una nìgula d’pìssi, / lϋ in blö cun la mϋda / … i spetun el tràm. / Èl vént èl sifùla d’amirasiòn / s’vòlta la gént, / èl tram l’è in ritàrd / …gh’è tüta la vìta! //

I spùŝi i èn ciapàdi dedré, i se védun no de frunt, p’rò te capìsi ch’i èn giùni ‘me l’àqua: dü figürìn garbàdi pién de gràsia. S’pöd imaginà el sorìŝo ch’i gh’àn stampàd in fàcia: che tenerèsa! Sarè i òci e imaginè ànca viàltri la scéna di chi spùŝi chi ‘namuràdi, ch’i gnànca i se ‘còrgiun del tràfich ch’i gh’àn atùrn. Gràsie Albertini, el riés a fermà cun la so màchina futugràfica, ch’el mòla mài, muménti de belèsa e de vìta. Tùca vègh òci e cör alèrta. Bràu!

El méŝ pasàd èvi scrit d’és descùnsa per quèl che de stort sücéd n’la nòsta sucietà. Intànt che son adré a scrìu gh’è un sul ch’l’è ‘na meravìglia; fà cald sénsa i ŝburiòn de agùst e gh’ò sül tàul la pàgina d’un giurnàl piéna de giùni ch’ì manifèstun n’le piàse d’Italia e de tüt el mund per la cüra del nost Pianéta. Me se ŝlàrga el cör; i giùni i èn no superficiài tàme pensém nüm de spés; i n’àn guardàd, i ne guàrdun e i àn decìŝ ch’l’è l’ùra da dà un scurlòn ai gràndi per fài möu per la difésa d’la Tèra perchè, i dìŝun süi so cartèi: “l’è la nòsta cà e gh’ém apéna quéla”. Perciò i “gràndi” per età e i “Grandi” perché i guvèrnun i gh’àn da ciapà sul séri le vuŝ di nòsti fiöi e neùdi ch’i gh’àn el dirìto da preténd cumpurtaménti e léggi per ‘vègh in eredità tèra, àqua, cél, ària e clìma no inquinàdi. Gràsie ai giùni ò fài pace cul mund e m’è turnàd la sperànsa ch’i omi i sàpiun ragiunà e i capìsun che la solidarità fra tüti i pòpoli e tra generasiòn la sìa indispensàbil per vìu méi incö e dumàn.

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

DICONO SUI LORO CARTELLI: “È LA NOSTRA CASA E ABBIAMO SOLO QUELLA” (traduzione letterale)

Franco Albertini, un signore di Casale che ha mille interessi, fra l’altro ha la passione per la fotografia. Un po’ di tempo fa mi ha fatto vedere una fotografia che ha scattato a Milano in Largo Cairoli. Dato che non posso farvela vedere, ve la descrivo: ci sono due sposini seduti su una panchina, mano nella mano, e intanto si vede arrivare un tram. Lei indossa un vestito da sposa bianco, ampio, lungo che tocca terra, tutto pizzi e ricami; lui indossa un completo blu elegante. E’ una foto stupenda anche come significato e mi ha ispirato una poesia.

C’È LA CRISI : Di soldi ce ne sono pochi / anche a Milano, / ma l’amore è l’amore! / “Vogliamo sposarci” / Il mutuo l’abbiamo fatto / in venticinque anni lo pagheremo. / Al posto del pranzo / una merenda con pane e salame, / ma al vestito bianco / non si può rinunciare! / Lei ci pensa fin da ragazzina: / lungo, vaporoso: / Lui glielo regala con tutto il suo cuore. / La chiesa è pronta: / lo sposo è impacciato, / arriva la sposa / coi lacrimoni e gli occhi brillanti! / Due “si” per la vita ai piedi dell’altare. / Il viaggio di nozze? / Neanche a parlarne, / si va in piazza del Duomo a festeggiare. / Mano nella mano: / lei una nuvola di pizzi, / lui col vestito blu / … aspettano il tram. / Il vento fischia d’ammirazione. / si volta la gente / il tram è in ritardo / … c’è tutta la vita. //

Gli sposi sono presi dietro, non si vedono di fronte, però capisci che sono giovani come l’acqua: due figurini garbati pieni di grazia. Si può immaginare il sorriso che hanno stampato in viso: che tenerezza! Chiudete gli occhi e immaginate anche voi la scena di questi sposi innamorati, che neanche si accorgono del traffico che hanno attorno. Grazie Albertini, riesce a fermare con la sua macchina fotografica, che non lascia mai, momenti di bellezza e di vita. Bisogna avere occhi e cuore all’erta. Bravo!

Il mese scorso avevo scritto di essere disturbata per quello che di storto succede nella nostra società. Mentre sto scrivendo c’è un sole che è una meraviglia; fa caldo senza i bollori di agosto ed ho sul tavolo la pagina di un giornale piena di giovani che manifestano nelle piazze d’Italia e di tutto il mondo per la cura del nostro Pianeta. Mi si allarga il cuore; i giovani non sono superficiali come spesso noi pensiamo; ci hanno guardato, ci guardano e hanno deciso che è l’ora di dare uno scossone ai grandi per farli muovere per la difesa della Terra perché, dicono sui loro cartelli: “è la nostra casa e abbiamo solo quella”. Perciò i “grandi” per età e i “Grandi” perché governano devono prendere sul serio le voci dei nostri figli e nipoti che hanno il diritto di pretendere comportamenti e leggi per avere in eredità terra, acqua, cielo, aria e clima non inquinati. Grazie ai giovani ho fatto pace col mondo e mi è tornata la speranza che gli uomini sappiano ragionare e capiscano che la solidarietà tra tutti i popoli e tra generazioni sia indispensabile per vivere meglio oggi e domani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.