«Entro l’anno sarà operativa la Riabilitazione cardiologica»
In alto Bergamaschi e Lombardo, sopra un intervento, sotto Bignamini

«Entro l’anno sarà operativa la Riabilitazione cardiologica»

Codogno, il direttore Asst Lodi Lombardo e quello Ats Bergamaschi in consiglio

Andrea Bagatta

Iniziato il trasloco degli arredi per la nuova Riabilitazione cardiologica di Codogno, primi posti letto operativi entro la fine dell’anno. Il nuovo reparto sarà ospitato nei locali dell’ormai ex Ostetricia. A dare l’annuncio è stato ieri sera in consiglio comunale il direttore dell’Azienda socio-sanitaria territoriale di Lodi Massimo Lombardo, che con il direttore generale dell’Ats (ex Asl) di Milano Walter Bergamaschi è arrivato in Codogno per fare il punto sul futuro dell’ospedale di Codogno con l’amministrazione.

Gli interventi dei due dirigenti non sono stati apprezzati dai sindacalisti presenti, con qualche momento di tensione per le interruzioni di Gianfranco Bignamini del Sindacato italiano lavoratori confederati. Lo stesso Bignamini con pochi altri attivisti aveva inscenato un presidio di protesta per strada prima del consiglio comunale.

«Codogno è un ospedale bloccato – ha spiegato il direttore generale dell’azienda ospedaliera Massimo Lombardo -. L’ospedale di Codogno è così storicizzato nel suo modello organizzativo che piano piano è andato in sofferenza in tutti i settori. Oggi dobbiamo cogliere l’occasione di un modello organizzativo diverso, più dinamico. Presto rivedremo il piano organizzativo, ma adesso abbiamo il compito di realizzare la revisione decisa nel dicembre 2018». Revisione che aveva sancito la sospensione del punto nascite («oggi le condizioni non sono cambiate», ha detto Lombardo) e inserito nuove attività nell’ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.