Lodi, doppia seduta del Broletto: in consiglio le opere pubbliche
Il consiglio comunale di Lodi, al centro il presidente Cerri vicino al sindaco Casanova

Lodi, doppia seduta del Broletto: in consiglio le opere pubbliche

Le riunioni in programma lunedì 30 settembre e giovedì 3 ottobre (alle 20).

Si partirà con la sostituzione di Carlo Truccolo (Lega), che cede il testimone a Valentina Cassinetti, la doppia seduta del consiglio comunale di lunedì 30 settembre e giovedì 3 ottobre (alle 20). In programma l’illustrazione del bilancio 2018 di Santa Chiara: la fondazione ha contenuto nel 2018 il disavanzo a 196mila (coperto con il fondo di riserva), c’è stata una riduzione dello sbilancio sui servizi esterni, tra cui l’assistenza domiciliare, cure palliative e rsa aperta. Proprio in questi giorni il sindaco Sara Casanova rinnoverà i vertici della casa di riposo di via Gorini: in “pole position” per il posto di presidente l’ex preside del Bassi Corrado Sancilio.

Durante la riunione di lunedì, all’ordine del giorno ci saranno anche alcune variazioni finanziarie (saranno appostati i fondi per la gestione calore, per la manutenzione del verde e per un mezzo di protezione civile) e l’approvazione del bilancio consolidato del Broletto a fine 2018.

Tra le interrogazioni all’esame dell’aula, sarà discusso un testo di Stefano Caserini di “110&Lodi” sulla sicurezza di pedoni e ciclisti in via Precacesa e via Martin Lutero e un altro di Caserini sulla riduzione del prestito libri in biblioteca. Il 3 ottobre invece toccherà al documento di bilancio sulla programmazione sul prossimo triennio, saranno esaminati anche i conti del Cfp (il consorzio per la formazione professionale e per l’educazione permanente) e il consorzio servizi alla persona. Il 3 ottobre infine sarà discussa una mozione di Massimo Casiraghi e Luca Degano dei Cinque Stelle sugli sviluppi degli spazi verdi urbani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.