Lavori a tappeto 24 ore su 24, il Sesto Palazzo ha preso forma
In foto il nuovo centro direzionale dell’Eni che sta sorgendo rapidamente

Lavori a tappeto 24 ore su 24, il Sesto Palazzo Eni ha preso forma

San Donato, concluso l’edificio: ora tocca ai rivestimenti. Via al bando per le opere viabilistiche

Il nuovo centro direzionale Eni ha preso forma con la realizzazione dei primi palazzi che si affacciano sul quartiere Metanopoli voluto da Mattei.

Gli occhi dei cittadini ormai da qualche settimana sono puntati sui moderni giganti dalle innovative linee architettoniche che sono sorti in tempi record nel comparto De Gasperi Est dove dall’aprile scorso sono in corso cantieri 24 ore su 24. Su un edificio è già iniziata anche la posa del rivestimento che darà un impatto estetico definitivo al progetto, disegnato dallo studio statunitense Morphosis, di cui a San Donato si parla da più di 10 anni.

Gli sviluppi sono seguiti da numerosi sandonatesi che di settimana in settimana hanno visto crescere le edificazioni dove il cane a sei zampe insedierà il proprio quartiere generale e dove trasferirà 4 mila 600 dipendenti che attualmente lavorano nel Quinto Palazzo Uffici. Stanno iniziando anche i preparativi per la realizzazione delle opere di urbanizzazione, pari a 23 milioni di euro, in quanto i bandi per l’affidamento dei lavori dovrebbero essere pubblicati entro la fine del 2019, sebbene gli interventi dovrebbero completarsi entro il 2021 quando aprirà anche le porte il nuovo prestigioso complesso.

In prima battuta dovrebbero partire gli scavi per i due posteggi interrati - con un migliaio di posti auto complessivi destinati a lavoratori e cittadini - che sono previsti in via Vannucchi e in Viale De Gasperi. Mentre l’impatto in termini di traffico sarà mitigato da tre nuove rotonde di cui una sorgerà tra Piazza Supercortemaggiore e la la via Emilia e le altre due lungo Viale De Gasperi in prossimità degli incroci con le vie Fabiani e Fermi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.