La storica Bolla del Perdono verrà esposta in un museo
Il progetto che descrive l’intervento sugli spazi parrocchiali

Una nuova casa per la Bolla del Perdono

Melegnano, la reliquia collocata in uno spazio museale all’interno degli edifici parrocchiali

Una nuova casa per la storica Bolla del Perdono, che sarà aperta alle visite degli appassionati in arrivo dall’intero territorio. Nell’ambito della ristrutturazione di canonica, archivio e biblioteca parrocchiali, martedì sera il maxi-progetto è stato presentato dal prevosto don Mauro Colombo con l’architetto Gaetano Arricobene.

Il dottor Vazzoler

Collegata alla zona dell’archivio da un apposito passaggio, la nuova canonica ospiterà al piano terra gli uffici parrocchiali, mentre al primo piano sorgeranno i locali in uso al prevosto: il tutto completato dal complessivo restyling dell’immenso archivio, secondo l’esperto Moreno Vazzoler il nono d’importanza sugli oltre 1.170 presenti nell’intera diocesi milanese.«Al di là della Bolla del Perdono donata da Pio IV nel 1563, che fa di Melegnano una realtà unica sul territorio, vi sono conservati documenti irripetibili risalenti al 1500, 1600 e 1700, grazie ai quali è possibile custodire la memoria storica della comunità locale» ha rimarcato Vazzoler.

Il parroco

Con la direzione dei lavori affidata al noto architetto di Melegnano Luigi Carafoli, in partenza tra fine 2019 e inizio 2020, l’intervento dovrebbe protrarsi per circa un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.