Legionella, tre casi in pochi giorni
Il laboratorio di analisi dell’ospedale di Lodi

Legionella, torna l’allarme nel Lodigiano: tre casi in pochi giorni

Da inizio anno sono 16 gli episodi segnalati in provincia. La malattia può portare al decesso

Torna nel Lodigiano l’allarme legionella, dopo i tre casi registrati in poco più di una settimana. I primi due episodi si sono registrati ispettivamente il 13 e l’11 settembre. Si tratta di una donna di 71 anni e di un’altra di 82, entrambe ricoverate a Lodi, in Terapia intensiva e Medicina.L’ultimo episodio si è verificato mercoledì 18 settembre. Una donna di 81 anni si è presentata al Pronto soccorso di Codogno ed è stata trasferita in Terapia intensiva, a Lodi. Una delle tre pazienti aveva soggiornato in Francia, 15 giorni prima del ricovero, quindi è possibile - secondo i sanitari - che il contagio sia avvenuto nella struttura alberghiera che l’ha ospitata.

La malattia che si può contrarre attraverso gli impianti di condizionamento o respirando l’aerosol generato da docce o rubinetti che contengono il batterio. Da inizio anno i casi segnalati nel Lodigiano sono 16: nello stesso periodo dello scorso anno erano stati 23.

Il ricovero precauzionale in Terapia intensiva è necessario per evitare complicanze che possono andare dalla grave insufficienza respiratoria allo shock settico da polmonite, ma anche all’Ards, sindrome da distress respiratorio acuto che può anche portare il paziente al decesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.