Un industriale acquista la Pergola
Così la Pergola in questi giorni, con il solo concessionario Harley aperto e un costante presidio delle guardie

San Martino, un industriale acquista la Pergola

È di Sergio Folli, amministratore di Airpack e Poligof, la prima offerta concreta per il complesso sportivo-ricreativo

Si fa, da più parti e con insistenza, il nome di Sergio Folli riguardo all’acquirente del complesso sportivo - ricreativo della Pergola di San Martino in Strada. Conosciuto come amministratore delegato della Airpack di Ossago ma anche della Poligof, due realtà nate nel Lodigiano ma con respiro multinazionale, ieri l’imprenditore non è voluto intervenire sulla questione e non si esclude che l’investimento sia stato attuato assieme ad altri.

L’affare sarebbe al livello di una significativa caparra confirmatoria già versata alla Somkid Immobiliare, la società veneta del gruppo Deutsche Bank che aveva acquistato il complesso all’asta per circa 2,7 milioni di euro il 30 maggio dello scorso anno. Asta immobiliare originata dall’incompleto saldo del mutuo da parte del precedente proprietario a un istituto di credito piacentino che aveva finanziato la costruzione. E cui era seguito anche un sequestro promosso dalla procura della Repubblica di Lodi per il mancato pagamento di imposte, sempre da parte del precedente proprietario. Il sequestro era stato poi annullato dal Riesame di Lodi e dalla Cassazione, e la Somkid ha potuto esercitare i propri diritti.

Uno scorcio della Pergola in stato di abbandono:
nei prossimi mesi la struttura potrebbe rinascere

A lungo nei mesi scorsi aveva trattato con l’immobiliare una cordata capitanata dal presidente del Fanfulla Calcio, Luigi Barbati. Ma i rappresentanti della Somkid avevano fatto intendere che c’erano altri interessati. E alla fine, settimana scorsa, si è concretizzata la prima offerta, che potrebbe portare al rogito nel giro di pochi mesi, con la possibilità di una riapertura negli ultimi mesi dell’inverno e sicuramente per l’estate del 2020. «Io credevo nel progetto del Fanfulla Campus - commenta Barbati - ma attendevamo da Somkid ulteriori contatti che a un certo punto si sono fermati. Ci piacerebbe, quando sarà il momento, incontrare il nuovo proprietario». Fonti bene informate riferiscono peraltro di un interessamento anche da parte di un noto imprenditore lodigiano dell’informatica. Presto, le carte potrebbero scoprirsi definitivamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.