La tromba d’aria ha fatto danni, la scuola materna va in trasferta
Uno dei locali della scuola elementare Rodari che sarà assegnato in via temporanea ai bambini della parrocchiale, il cui tetto ha subito danni a seguito della tromba d’aria

Salerano, materna “in trasferta” per i danni della tromba d’aria

La struttura è inagibile a causa della situazione del tetto: i piccoli alunni ospitati

I danni causati dalla tromba d’aria del 12 agosto sono peggiori del previsto e la scuola materna non può riaprire. Così i piccoli alunni dell’asilo parrocchiale saranno ospitati nella scuola elementare. I danni al tetto rendono infatti temporaneamente inagibile la struttura. L’intervento di sistemazione dovrebbe richiedere alcune settimane, con la speranza di far tornare i bambini nella sede della materna parrocchiale al più tardi entro la fine di ottobre.

In un primo momento, il tetto della scuola materna sembrava presentare danni contenuti. Gli ulteriori approfondimenti hanno invece evidenziato una situazione più complessa. «Il tetto non rischia di crollare, ma i danni sono stati importanti e bisogna intervenire per la riparazione il prima possibile – spiega il parroco don Carlo Patti -. Ovviamente non si possono eseguire i lavori con i bambini all’interno, e per questo abbiamo trovato una soluzione grazie alla collaborazione della scuola elementare statale».

La scuola Rodari

Dal 10 settembre, dunque, i bambini saranno ospitati nella primaria Rodari, dove come comunicato dal Comune, «avranno a disposizione due aule e servizi igienici riservati al primo piano, la sala polifunzionale Santa Francesca Cabrini (con i servizi igienici della palestra) da cui entreranno e usciranno da scuola, e dove faranno attività di gruppo e ricreazione, nonché il nuovo giardino dei bambini Montessori». Nel frattempo, prosegue l’amministrazione di Salerano, le insegnanti, con i volontari dell’Associazione MaiSoli, e il personale comunale hanno già traslocato arredi, strumenti e giochi nei giorni scorsi, allestendo «una inedita e bella accoglienza ai bambini». Il tutto nella speranza di sistemare la materna nel giro di un paio di mesi, senza disagi né per i piccoli ospiti dell’asilo, né per i loro genitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.