A Monza un Gran Premio più sicuro grazie ai volontari della Croce rossa
Domenica si corre a Monza il Gp d’Italia di Formula Uno

I volontari della Croce rossa di Lodi a Monza per un Gp più sicuro

Una ventina saranno impegnati fino a domenica in servizio all’autodromo: un impegno che dura da trent’anni

Sono una ventina i volontari del Comitato di Lodi della Croce rossa impegnati in questi giorni all’autodromo di Monza in occasione del Gran premio d’Italia di Formula Uno: Saranno pronti a intervenire in pista per soccorrere i piloti dopo un incidente, ma anche sugli spalti se qualche spettatore dovesse sentirsi male. un impegno portato avanti da oltre trent’anni.

I primi volontari sono partiti nei giorni scorsi da Lodi, e resteranno operativi durante le prove libere e ufficiali e durante la gara, in programma domenica. Solo in serata, quando il rombo dei motori si sarà ormai spento, lasceranno l’autodromo.

A bordo pista ci sarà l’Equipe d’Estrazione Piloti insieme a un Centro Mobile di Rianimazione e un fuoristrada, pronti ad intervenire in caso di incidente; presso l’eliporto di via Mirabello sarà predisposta invece una Postazione Medica Avanzata (PMA), per il soccorso medico agli spettatori.

«Il Comitato di Lodi anche quest’anno è impegnato per il Gran Premio di Formula 1 di Monza - è scritto sulla pagina Facebook della Croce rossa di Lodi -. Saranno circa 20 i volontari che si alterneranno in servizio nei quattro giorni che vedranno l’autodromo brianzolo capitale mondiale dei Motori. In bocca al lupo a tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.