Rogo di rifiuti, l’Arpa rassicura: «Solo lieve alterazione dell’aria»

Codogno, dopo il rogo di rifiuti l’Arpa rassicura: «Rilevata solo una lieve alterazione dell’aria»

Bassa concentrazione di diossina e benzo(a)pirene

Le analisi dell’Arpa sulla qualità dell’aria a Codogno dopo il rogo di una settimana fa alla GGM Ambiente rassicurano residenti e amministrazione. Dai filtri posizionati fra l’azienda e il centro abitato il giorno stesso del rogo è emersa infatti una bassa concentrazione di diossina e di benzo(a)pirene. La prima si è fermata a 0,19 picogrammi per metro cubo, a fronte di una soglia fissata dall’Oms di 0,30 per considerare un inquinamento in atto, mentre la seconda è salita fino a 0,93 nanogrammi per metro cubo (in estate è mediamente pari a 0.07 ma in inverno può salire anche fino a 5 a causa del riscaldamento domestico).

«Nell’area monitorata si è registrata una lieve alterazione della qualità dell’aria attribuibile all’incendio - si legge nella nota diffusa ieri, martedì 3 settembre, da Arpa Lombardia -, con valori comunque inferiori al livello di 0,30 picogrammi suggerito dall’Oms per le diossine per considerare un inquinamento in atto».

«I risultati si riferiscono al primo filtro del campionamento ad alto volume, posizionato sottovento al confine fra l’area industriale e l’abitato di Codogno, prelevato dai tecnici del Gruppo specialistico contaminazione atmosferica di Arpa Lombardia nel pomeriggio del giorno dell’evento», si legge ancora nella nota.

L’amministrazione comunale è in costante contatto con l’Arpa, in questi giorni arriveranno anche i risultati degli altri due rilievi effettuati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.