I gìrun le giùstre, süi cavalìn facìne strafuménte e fiuléte

I gìrun le giùstre, süi cavalìn facìne strafuménte e fiuléte

di Maddalena Negri

Artìcul in dialèt per Setémbor 2019. Cumìnci cun fà i augüri püssè càri a Carolina Proserpi, ‘na bèla dòna de Caŝàl che al sédos Agùst l’à cumpìd nuantòt àni. L’è na dòna intelligente e vivarùŝa, interesàda a tant rob ànca de sport (tifùŝa sfegatàda d’l’Inter), campiunèssa de parole crociàte e, apéna la pöd, cul piaŝè da ciciàra cun la gént. La stà sü la cuntràda di Punti e la so cà la gh’à ‘na finèstra che dà pròpi sü la stràda a l’altésa de om. La cunùs tüti, l’è cunusüda da tüti e, quànd se pàsa da lì, te se fèrmi a scambià quàtor paròl e un baŝutìn de afèt. L’è bèl ciciarà cun lé perché la pàrla no apéna del témp indré, ma supratüt del témp d’incö. L’è da sémpor de Azione Cattolica e pénsi che la sìa tra le püssè “antìche” iscrìte. Carulìna, augùri cun tüt el cör. Viàltri stìu bén? Sìu ‘ndài vìa o sìu stài a cà vòsta ‘st’estàd? Mi e ‘l me om a la fin de agùst sém ‘ndài amò a Rimini cun tüti i neùdi: i èn vintùn àni che fém ’na vacànsa inséma ai neùdi.

Ém tacàd che sèrom in cinq (nüm dü nòni e trì neudìn) e sém ‘rivàdi a nòu perché i neùdi i èn diventàdi sèt … e gràndi. Gh’ò no tànta léngua da ringrasià el Signùr per és circundàdi da tant amùr. Cambiém discùrs perché pürtrop la vìta l’è no fài ‘péna de serenità. Pénsi che tüti se guardém atùrn ànca se sém pü giùni e che, tàme Carulìna, sém interesàdi a quèl che sücéd nel mund. Mi, in chèl mumént chi son preocupàda e cunfüŝa.

Cèrchi da ragiunàla, ma l’è dificìl capì tàme la gént la pöda és insì eguìsta; tàme se pöda véd tànte pòre persùne ch’i scàpun da la miŝéria, da la viulénsa e da la guèra; ch’i rìs-ciun da negà e decìd se ricévi o no secùnd el nòst interès. Ògni tant se véd a la televiŝiòn un barcòn pién de gént dispràda, fèrm nel mar da stemàne in atéŝa che un om tàme lur el dàga o no el permés da ŝbarcà. Praticamént in atésa ch’ el padròn d’la melunèra el léva el didòn insü o inŝu cùme l’imperatùr el fèva cùi gladiatùri n’l’aréna per salvài o fài mör. Che brüta sensasiòn! Vöri no fà tànti ragiunaménti, p’rò me sénti da esprìm la me cuntrarietà per chel cumpurtamént chi tàme dòna e tàme cristiàna.

Ògni persùna la gh’à dirìtto a la vìta e a la dignità; ògni persùna l’è me fradèl perché sém fiöi del stés Pàdor, insì recitém nel Padre Nostro. Che preghém a fà? ‘Fidémos del Signùr e afidém a Lü tüti i puréti d’la Tèra e tüti i guvernànti del mund perché i se ricòrdun che la pulìtica la gh’à da cumpurtàs per el bén de tüti, se no sarà un diŝastor per tüti. Cambiém amò discùrs e ‘ndém avànti ànca se un po’ imparslàdi.

Finìsi cun ‘na penelàda rùssa d’la fèsta de San Bartulumé de Caŝàl: // Sul ch’enciuchìs, / in Césa paraménti vernighénti / la bànda la màrcia in divìŝa cremìŝi / sü la baléra vàlser e tànghi fughénti, / süi brasch lugànogh rustìde /. I gìrun le giùstre / süi cavalìn facìne strafuménte / e fiuléte cul rusét. / El sul el se cùcia nel fögh. / L’è sìra: / d’impruìŝa un sgriŝulòn / cascàde de fiùri brilénti i spàcun el ciél / fin a la trunàda finàl. / Fèsta / Alegrìa / Fracàs / … Russ. //

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

GIRANO LE GIOSTRE SUI CAVALLINI FACCINE ACCALDATE E RAGAZZE (traduzione letterale)

Comincio con fare gli auguri più cari a Carolina Proserpi, una bella donna di Casale che al sedici Agosto ha compiuto 98 anni. È una donna intelligente e vivace, interessata a tante cose anche di sport (tifosa sfegatata dell’Inter), campionessa di parole crociate e, appena può, col piacere di chiacchierare con la gente.

Abita sulla Contrada dei Ponti e la sua casa ha una finestra che dà proprio sulla strada all’altezza di uomo. Conosce tutti, è conosciuta da tutti e, quando si passa di lì, ti fermi a scambiare quattro parole e un bacino di affetto. E’ bello chiacchierare con lei perché non parla appena del tempo indietro, ma soprattutto del tempo d’oggi. E’ da sempre di Azione Cattolica e penso che sia tra le più “antiche” iscritte. Carolina, auguri con tutto il cuore. Voi state bene? Siete andati via o siete stati a casa vostra quest’estate? Io e mio marito alla fine di agosto siamo andati ancora a Rimini con tutti i nipoti: sono ventun anni che facciamo una vacanza insieme ai nipoti.

Abbiamo cominciato che eravamo in cinque (noi due nonni e tre nipotini) e siamo arrivati a nove perché i nipoti sono diventati sette… e grandi. Non ho tanta lingua da ringraziare il Signore per essere circondati da tanto amore. Cambiamo discorso perché purtroppo la vita non è fatta appena di serenità. Penso che tutti ci guardiamo attorno anche se non siamo più giovani e che, come Carolina, siamo interessati a quello che succede nel mondo. Io, in questo momento, sono preoccupata e confusa.

Cerco di ragionare, ma è difficile capire come la gente possa essere così egoista; come si possa vedere tante povere persone che scappano dalla miseria, dalla violenza e dalla guerra; che rischiano di annegare e decidere se accoglierli o no a seconda del nostro interesse. Ogni tanto si vede alla televisione un barcone pieno di gente disperata, fermo in mare da settimane in attesa che un uomo come loro dia o no il permesso di sbarcare. Praticamente in attesa che il padrone di niente alzi il pollice insù o ingiù come l’imperatore faceva coi gladiatori nell’arena per salvarli o farli morire. Che brutta sensazione! Non voglio fare tanti ragionamenti, però mi sento di esprimere la mia contrarietà a questo comportamento come donna e come cristiana.

Ogni persona ha diritto alla vita ed alla dignità; ogni persona è mio fratello perché siamo figli dello stesso Padre, così recitiamo nel Padre Nostro. Che preghiamo a fare? Fidiamoci del Signore e affidiamo al Signore tutti i poveri della Terra e tutti i governanti del mondo perché si ricordino che la politica deve agire per il bene di tutti, altrimenti sarà un disastro per tutti. Cambiamo ancora discorso ed andiamo avanti anche se un po’ scombussolati.

Finisco con una pennellata rossa della festa di San Bartolomeo di Casale: // Sul che ubriaca, / in Chiesa paramenti vermigli / la banda marcia in divisa cremisi / sulla balera valzer e tanghi infuocati, / sulle braci salamelle arrostite. / Girano le giostre / sui cavallini faccine accaldate / e ragazze col rossetto. / Il sole tramonta nel fuoco. / E’ sera: / d’improvviso un brivido / cascate di fiori brillanti / spaccano il cielo / fino alla tuonata finale. / Festa / Allegria / Fracasso / …Rosso. //

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.