Al lavoro in un campo profughi o in un ristorante affacciato sull’oceano: ragazzi, raccontateci le vostre “vacanze alternative”
Giovani si spendono per gli altri (foto d’archivio)

Al lavoro in un campo profughi o in un ristorante affacciato sull’oceano: ragazzi, raccontateci le vostre “vacanze alternative”

I giovani saranno i protagonisti della nostra nuova inchiesta. Cerchiamo testimonianze

Lodi

Lucia ha lavorato in un campo profughi palestinese. Marco ha prestato servizio in una struttura d’accoglienza in Kenya. E Camilla è volata negli States, alternando studio e lavoro. I nomi sono di fantasia, le esperienze sono vere e «il Cittadino» proverà a raccontarle nelle prossime settimane attraverso una serie di puntate speciali dedicate alle vacanze alternative dei giovani lodigiani e sudmilanesi.

Cerchiamo le vostre storie - non solo quelle di impegno nel terzo mondo o in paesi come gli Usa e l’Inghilterra - ma anche quelle più vicine a casa, in Italia. Mettetevi in gioco e provate a raccontarcele!

Potete scriverci agli indirizzi e mail l.rinaldi@ilcittadino.it e raffaella.bianchi23@gmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.