Un “gioiello” di storia e cultura, boom di eventi e accessi al castello
La sala d’armi del castello Morando Bolognini di Sant’Angelo, sempre più un polo attrattivo di storia e cultura

“Gioiello” di storia e cultura, è boom di accessi al castello di Sant’Angelo

Da marzo al 30 luglio 4700 ingressi per manifestazioni e 990 visitatori nei musei

Fino a qualche anno fa era un gioiello inaccessibile e una sfida ancora tutta da giocare. Oggi è uno dei poli della cultura e della storia del Lodigiano, capace di richiamare visitatori anche da oltre provincia. Registrando, da marzo al 30 luglio 2019, 4700 accessi per manifestazioni ed eventi e 990 ingressi per la visita ai tre musei del castello, il Museo Bolognini, il Museo del pane e il Museo lombardo di storia dell’agricoltura. Numeri generati dall’investimento portato avanti negli anni dalla Fondazione Morando Bolognini, proprietaria del maniero, che ha lavorato per la messa in sicurezza e il restauro di parti diverse, ma anche per il potenziamento dell’offerta culturale e della presenza nei mercati del turismo, come il recente ingresso nei tour di Abbonamenti Musei Lombardia.

Dopo la pausa estiva, il castello Morando Bolognini riaprirà le porte il prossimo 22 settembre e, prima dell’inverno, ci saranno altre occasioni di visitare saloni e musei: il 6 e il 20 ottobre e il 3 novembre, sempre con visite guidate in partenza alle 15 e presenti fino alle 16.30 per l’ultimo ingresso. Da qualche tempo ad ogni apertura straordinaria, la Fondazione ha abbinato un evento e per il primo degli appuntamenti autunnali, il 22 settembre, saranno di scena la “Moda del passato al castello”, con un’esposizione di abiti d’epoca e risalenti al periodo compreso tra il 1200 e il 1800, creati con grande maestria da Mariangela Brambilla di Lodi Vecchio, allestiti in esposizione dall’associazione I Ricci, e i “Giochi di un tempo”, con la possibilità per grandi e piccini di cimentarsi nei giochi del passato come il cornhole, il gioco delle noci, le trottole, il tiro a bersaglio, giochi di abilità con cerchietti e biglie e giochi di memoria, organizzati in occasione delle “Giornate europee del patrimonio”, quest’anno incentrate sul tema del gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.