Lo chef ucciso a New York: la sospettata resta in carcere

È stato convalidato l’arresto della prostituta ritenuta responsabile della morte di Andrea Zamperoni, lo chef di Casalpusterlengo, nel Lodigiano, trovato morto nella stanza di un ostello del Queens a New York, vittima - secondo le accuse - di una overdose indotta dalla donna e forse da alcuni complici per derubarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.