Se la tecnologia sbarca in cascina: viaggio nell’agricoltura lodigiana

Se la tecnologia sbarca in cascina: viaggio nell’agricoltura lodigiana

«Il Cittadino» nell’azienda agricola del presidente di Confagricoltura, Antonio Boselli, a Pieve Fissiraga

Lorenzo Crespiatico

È arrivato il momento di lasciarci alle spalle l’immagine bucolica dell’agricoltore che brandisce la vanga: ormai la tecnologia svolge un ruolo fondamentale anche in cascina. L’ha dimostrato Antonio Boselli, presidente regionale di Confagricoltura e del distretto Milano-Lodi-Monza Brianza (fotografato nel servizio di Paolo Ribolini), nonché titolare - insieme al fratello Enrico - di un’azienda agricola presso la cascina Fissiraga, alle porte di Pieve Fissiraga, gestita insieme al figlio Alessandro e al nipote Carlo. Appena arrivati in cascina, Boselli ha voluto mettere in rilievo un aspetto del quale va molto fiero: l’azienda agricola Boselli è parte del progetto Forage4Climate, partecipato dall’Università degli Studi di Milano, che punta alla mitigazione dei cambiamenti climatici a opera degli agricoltori. «Bisogna credere in una sostenibilità vera per il futuro - ha spiegato il presidente regionale di Confagricoltura -, spero infatti che la nuova Pac (Politica agricola comunitaria, l’insieme delle regole stabilite dall’Unione europea per l’agricoltura, ndr) possa premiare chi sta andando in questa direzione. La nostra cascina è in credito di CO2: grazie all’energia che produciamo con il biogas “mangiamo” la CO2 degli agricoltori che ci stanno intorno». L’azienda agricola alle porte di Pieve Fissiraga ha 110 vacche da latte e altrettanti bovini giovani, ai quali si aggiungono gli animali che Boselli definisce «da decorazione e da compagnia»: cinque cavalli e galline che scorrazzano in cortile.

Leggi l’approfondimento sull’edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola sabato 24 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.