Il sogno del “boulevard Redefossi”, prendono vita gli scenari del futuro
Il tratto riqualificato del canale Redefossi

San Giuliano ha un sogno, il “boulevard Redefossi”

Il tratto del canale tra via Toscani e via Magri oggi è un salotto attrezzato, e si punta al futuro

Il “boulevard Redefossi” un sogno in divenire, e mentre proseguono i lavori di riqualificazione in parte ultimati, già si mettono in cantiere futuri interventi, questa volta nel tratto Giovanni XXIII-via Sesto Gallo da anni al centro di proteste e segnalazioni. Appena consegnato alla città di San Giuliano il restyling del tratto Toscani-Magri, con la realizzazione di un vero e proprio “salotto cittadino” con tanto di fioriere, panchine e marciapiedi completamente rifatti, e in attesa che i lavori di rifacimento dei parapetti e del fondo stradale del secondo lotto di intervento – il tratto verso via per Locate – vengano ultimati, sono in fase di progettazione anche nuovi interventi.

Il tratto del Redefossi interessato dai lavori di recupero

L’obiettivo, fanno sapere dall’amministrazione comunale, è quello di dare un volto nuovo anche ai tratti di Redefossi rimasti scoperti e per i quali, cambiata la normativa in materia di tombinatura dei corsi d’acqua, non è più possibile intervenire con coperture simili a quelle già realizzate.

È stata assegnata nei giorni scorsi, infatti, la progettazione degli interventi di riqualificazione e restyling del tratto via Giovanni XXIII- via Sesto Gallo-via Verdi che vedranno rifacimento del manto stradale, sostituzione dei parapetti con messa in sicurezza degli “affacci” su canale, e la realizzazione di una nuova pista ciclo-pedonale destinata a sostituire gli attuali marciapiedi disconnessi. Un piano di intervento per il quale il documento di programmazione delle opere pubbliche prevede uno stanziamento complessivo di circa 600mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.