Un grande polo socio-culturale nel futuro della storica palazzina
Il muro di cinta della palazzina Trombini

Un grande polo socio-culturale alla palazzina Trombini di Melegnano

Intanto il comitato Giardino intanto lancia l’allarme sul muro di cinta

Sta per tornare di stretta attualità a Melegnano il futuro dell’imponente palazzina Trombini, per il cui recupero palazzo Broletto ha messo sul piatto 200mila euro nel Piano opere pubbliche 2020. Nello storico edificio potrebbe “trovare casa” un grande polo socio-culturale.
In attesa di una seconda vita, l’immobile subisce però le ingiurie del tempo che passa: il muro esterno è sempre più malconcio e il comitato Giardino è tornato alla carica lanciando l’allarme.

Nell’ultimo anno scolastico il prestigioso stabile pubblico ha ospitato gli alunni della primaria Frisi, la cui scuola in viale Lazio è inagibile dall’agosto 2018 dopo che alla scoperta dell’amianto si è accompagnato il cedimento del solaio: a partire da settembre, però, gli studenti troveranno posto in una nuova struttura prefabbricata in viale Lazio.

Quanto alla destinazione del piano terra recuperato, palazzo Broletto pensa ad un polo socio-culturale da affiancare al vicino castello mediceo in piazza Vittoria, dove organizzare mostre ed eventi sia negli spaziosi saloni centrali sia nei locali di minori dimensioni: qualche anno fa si era fatta strada l’ipotesi di farne il quartier generale dell’Università della terza età di Melegnano, un’associazione molto radicata nella realtà locale, dove conta centinaia di iscritti in arrivo dall’intero territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.