Tre risse violente in successione, una notte di follia in pieno centro
Uno scorcio di via Mazzini a San Colombano: domenica in centro si sono verificate tre risse violente

Tre risse violente a San Colombano, notte di follia domenica in pieno centro

Pugni, calci e spintoni: soccorso dal 118 il gestore di un locale

Cazzotti, siede che volano e colpi di vassoio in testa, mentre i tavolini esterni dei bar sono pieni di clienti. Domenica sera da Far west in pieno centro a San Colombano con tre episodi violenti uno dietro l’altro, tutti in piazza del Popolo e nel tratto di via Mazzini. Il primo episodio è stato riportato da alcuni testimoni, che hanno riferito di una lite in piazza del Popolo alle 19 tra due italiani, finiti a terra a prendersi a calci e pugni. La scazzottata è durata pochi minuti, dopodiché si è sciolta spontaneamente. Ma era solo l’inizio. Alle 21,30 infatti sono rimaste coinvolte in una rissa ben cinque persone intente a darsele di santa ragione a pochi metri dai tavolini dei bar. A farne le spese è stato il gestore di un esercizio del centro, preso di mira probabilmente dopo il rifiuto di servire da bere a una persona già ubriaca.

Dalle parole si è passati ai fatti, e all’angolo di piazza del Popolo con via Mazzini, verso il castello, ne è nata una rissa violenta che ha coinvolto il gestore stesso nordafricano del negozio, due romeni, un albanese e un italiano.
È iniziata a pugni e spintoni, ma è presto degenerata con uno dei contendenti che si è armato con una sedia presa in prestito da un bar della piazza. Poi come arma è stato usato anche un vassoio di alluminio che un barista usava come scudo per evitare i colpi mentre tentava di sedare la rissa.

I carabinieri sono arrivati di gran carriera, ma mentre si avvicinavano tutti i partecipanti alla rissa si allontanavano, tranne l’esercente il cui rifiuto di servire alcol aveva dato inizio alla rissa. Sul posto arrivava anche un’ambulanza della Croce Bianca, e alla fine l’uomo è stato portato in pronto soccorso a Lodi per accertamenti, pieno di botte, lividi e graffi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.