Pronta la ciclabile per l’ex Seliport, ma in troppi usano ancora la 234
Sopra un ciclista sulla ciclabile e uno sulla 234, sotto le ultime fasi dei lavori

Pronta la ciclabile per l’ex Seliport, ma in troppi usano ancora la 234

Casale, concluso l’ultimo tratto del tracciato realizzato per chi si reca al lavoro in bici

Ultimata la ciclabile dei lavoratori, che congiunge in sicurezza Casale all’area logistica ex Seliport, ma facchini e in generale ciclisti sono ancora troppo abituati al passaggio sulla strada provinciale 234 Mantovana, dove sfrecciano auto e camion tutto il giorno.

Dopo un primo tratto realizzato l’anno scorso, il percorso era rimasto fermo alla rotatoria su cui si innesterà la futura tangenziale lasciando scoperti gli ultimi 100 metri prima di arrivare alla strada d’arroccamento del comparto. Dopo lungaggini burocratiche (era necessario il via libera della Provincia di Lodi) e il reperimento delle risorse (è realizzata a compensazione dall’insediamento produttivo Anatolia Kebab), il cantiere si era insediato a ridosso delle elezioni, anche se i lavori non potevano partire prima di fine giugno. E in poco più di un mese l’impresa Baronio Scavi di Casale, che ha ricevuto la commessa da Anatolia, ha concluso l’intervento. Ieri le ruspe erano al lavoro per gli ultimi sbancamenti di terra, con il circuito già concluso. Con questa opera, fonte di innumerevoli polemiche politiche nello scorso mandato amministrativo, i tanti lavoratori che raggiungono l’area logistica ex Seliport in bici potranno muoversi in sicurezza ed evitare la provinciale 234. Almeno in teoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.