Signùr di muntàgn un nost amìŝ t’è dumandàd a la muntàgna

Signùr di muntàgn un nost amìŝ t’è dumandàd a la muntàgna

di Maddalena Negri

Tàme vàla? Nüm bén. A la fin de Lügl ém fài ‘na vacànsa d’ùna stemàna in muntàgna a Ortiŝei. Ém schivàd quàlche dì de grand cald, p’rò l’ém truàd amò quànd sém turnàdi indré, perchè l’è estàd e d’estàd fà cald. ‘M’ l’è bèla Ortiŝèi! L’èvi mài vìsta prìma, l’à m’à pròpi incantàd. Ùltra le Dolomiti ch’i èn un spetàcul, m’è piàŝüd la cità ch’la gh’à in céntro ‘na ŝòna pedunàl grànda, negòsi elegànti, palàsi ch’i pàrun ricamàdi cun pìssi e tànte stàtue de légn in ògni cantòn perché l’artigianàto del légn l’è la so caraterìstica e ecunumìa. Stàtue, statuùne, statuìne i ŝberlögiun dapertüt. Vüna pròpi simpàtica la rapreŝénta un cagnòn alt tri métri cun in bùca el ciùciu: un cuciulòn da lat. Per quèl che riguarda le pasegiàde gh’n’è per tüte le gàmbe; nüm ém fài quèle ‘ndùe se püdèva andà ànca cun le carusèle di fiulìn: püdì imaginà che rampegàde da scaladùri! Comùnque ém fài d’le bèle caminàde ni bùschi, viŝìn al torénte, ni pràti e… tànte fermàde sü le banchìne a l’ùmbra.

A propòŝit de carusèle ém incuntràd divèrsi papà e màme giùni ànca cun tri o quàtor fiöi, ròba che dài nòstri part l’è quàŝi impusìbil da véd. I èn püssè sciùri? I èn püssè vèrti a la vìta? I èn püssè generùŝi? Comùnque l’è bèl véd d’le famìglie cun tànti fiulìn, i te riempìsun de giòia. ‘Na ròba invéce che m’à un po’ dài fastìdi l’è la lìngua ch’i drövun a parlà e scrìu süi cartèi: ladìno, tudésch e… pö italiano. La Stòria l’è quéla, ànsi ‘ndarò a ripasàm’la, praticamént l’è un toch d’Italìa furèsta.

Sém ‘ndài ‘na sìra a sént un concèrto in céŝa: un bel concèrto cun trùmbe, trumbòn e ‘na fiŝarmònica sunàda da un talént. Gh’èra ànca un còro de òmi e un còro de dòne ch’i àn cantàd bén, p’rò ém capìd gnént perché i àn cantàd tüt in tudésch, apéna ‘na cansòn in italiano “Signore delle cime”, el famùŝ cant di Alpìn. Dòpu la tradusiòn in dialèt de “l’Infinito” de Leopardi me fèrmi pü. Ècco la tradusiòn del “Signore delle Cime”.

SIGNÙR D’LE MUNTÀGNE // Dio del Cèl / Signùr di muntàgn / un nost amìŝ / t’è dumandàd a la muntàgna ./ Ma te preghém / ma te preghém / sü nel Paradìŝ / sü nel Paradìŝ / làsol andà / per i to muntàgn. / Santa Maria / siùra d’la nöu / quàta cul biànch / to müŝìn mantèl / el nost amìŝ / el nost fradél. / Sü nel Paradìŝ / sü nel Paradìŝ / làsol andà / p’ri to muntàgn. //

L’è stài scrìt da Bepi de Marzi per un alpìn mort in muntàgna; el te fà végn i ŝgriŝulòn ògni vòlta che t’el sénti.

Adès ve salüdi perché l’è ‘rivàd el me om ch’el m’à dì: “ Va bén che te sè ‘na scritùra in dialét , ma stasìra mangém no? “ Farò ‘na bèla pastasutìna cul sùgo de tumàteŝi d’l’ort de me ŝénor e’l cuntènti. Ciao

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

SIGNORE DELLE CIME UN NOSTRO AMICO HAI CHIESTO ALLA MONTAGNA (traduzione letterale)

Come va? Noi bene. Alla fine di Luglio abbiamo fatto una vacanza di una settimana in montagna a Ortisei. Abbiamo scansato qualche giorno di gran caldo, però l’abbiamo trovato ancora quando siamo tornati, perché è estate e d’estate fa caldo. Com’ è bella Ortisei! Non l’avevo mai vista prima, mi ha proprio incantato.

Oltre le Dolomiti che sono uno spettacolo, mi è piaciuta la città che ha in centro una grande zona pedonale, negozi eleganti, palazzi che sembrano ricamati con pizzi e tante statue di legno in ogni angolo perché l’artigianato del legno è una sua caratteristica ed economia. Statue, statuone, statuine occhieggiano dappertutto. Una proprio simpatica rappresenta un cagnone altro tre metri con in bocca il succhiotto: un cucciolone da latte.

Per quanto riguarda le passeggiate ce ne sono per tutte le gambe; noi abbiamo fatto quelle dove si poteva andare anche con le carrozzelle dei bambini: potete immaginare che arrampicate da scalatori! Comunque abbiamo fatto delle belle camminate nei boschi, vicino al torrente, nei prati e… tante soste sulle panchine all’ombra.

A proposito di carrozzelle abbiamo incontrato diversi papà e mamme giovani anche con tre o quattro figli, roba che dalle nostre parti è quasi impossibile da vedere. Sono più ricchi? Sono più aperti alla vita? Sono più generosi? Comunque è bello vedere delle famiglie con tanti bambini, ti riempiono di gioia. Una cosa invece che mi ha dato un po’ fastidio è la lingua che usano per parlare e scrivere sulle insegne: ladino, tedesco e… poi italiano. La Storia è quella, anzi andrò a ripassarmela, praticamente è un pezzo d’Italia forestiera.

Siamo andati una sera a sentire un concerto in chiesa: un bel concerto con trombe, tromboni e una fisarmonica suonata da un talento. C’era anche un coro di uomini e un coro di donne che hanno cantato bene, però non abbiamo capito niente perché hanno cantato tutto in tedesco, appena una canzone in italiano “Signore delle cime”, il famoso canto degli Alpini. Dopo la traduzione in dialetto de “ l’Infinito” di Leopardi non mi fermo più. Ecco la traduzione del “Signore delle Cime” (che qui riporto in italiano):

SIGNORE DELLE CIME // Dio del Cielo, / Signore delle Cime / un nostro amico, / hai chiesto alla montagna. / Ma ti preghiamo, / ma ti preghiamo / su nel paradiso, / su nel paradiso / lascialo andare, / per le tue montagne. / Santa Maria, / signora della neve / copri col bianco, / tuo soffice mantello / il nostro amico / il nostro fratello. / Su nel paradiso, / su nel paradiso / lascialo andare, / per le tue montagne. //

È stata scritta da Bepi de Marzi per un alpino morto in montagna; ti fa venire i brividi ogni volta che la senti.

Adesso vi saluto perché è arrivato mio marito che mi ha detto: “Va bene che sei una scrittrice in dialetto, ma stasera non mangiamo? “ Farò una bella pastasciuttina col sugo di pomodori dell’orto di mio genero e lo accontento. Ciao.

© RIPRODUZIONE RISERVATA