«I tir non volano e a San Martino il passaggio è da allarme»
Uno dei presidi promossi lungo la strada provinciale a San Martino per conteggiare il transito dei mezzi pesanti dirottati da Massalengo, dove vige il divieto di transito notturno

«I tir non volano e a San Martino il passaggio è da allarme»

Il transito notturno da Massalengo dirottato sulle strade provinciali 186 e 107

«Chi di competenza, deve trovare una soluzione: perché i camion non possono di certo volare». Se a Motta Vigana (Massalengo) i tir di passaggio la notte si sono ridotti del 90 per cento, a San Martino i numeri rimangono da allarme. E cioè almeno un tir al minuto tra le 4 e le 5 del mattino, come confermato dalla seconda puntata dell’operazione “Tir controllo”, presidio notturno che, nella notte tra giovedì e venerdì, ha coinvolto una pattuglia della polizia locale in tutto il territorio coperto dalla convenzione per la funzione associata, ovvero San Martino, Ossago , Livraga, ma anche Mairago e Cavenago. Con attenzione speciale alle provinciali 186 sul territorio di San Martino e sulla provinciale 107 che arriva fino a Livraga.

«Quel tratto di strada non è sicuro per il transito di così tanti mezzi pesanti - spiega il sindaco di San Martino in Strada, Andrea Torza - : abbiamo già ottenuto una riduzione oraria giornaliera dell’ordinanza e una riduzione temporale di un mese, e personalmente sono stato una notte intera, insieme ai componenti del consiglio, a contare i mezzi in transito per avere il polso della situazione. Insieme al sindaco di Ossago ho anche chiesto alla Provincia interventi di messa in sicurezza delle nostre provinciali».

Da sinistra il sindaco di San Martino Andrea Torza, quello di Ossago Luigi Granata e Aldo Negri, assessore a San Martino

L’ultimo passo è stato il finanziamento di una pattuglia straordinaria notturna. L’intento, spiegano da San Martino, non è certo quello di fare le barricate, come la colpa non è dei camionisti che si sono trovati a dover allungare il percorso per arrivare a destinazione, «un tragitto peraltro pieno di incroci a raso e con una carreggiata più stretta rispetto alle 23, con tutti i rischi del caso», chiosa Torza. Intanto, per il presidio è stata già prevista una replica, sul territorio di Ossago Lodigiano, per la notte tra il 19 e il 20 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.