L’Asst batte cassa in Regione per l’acquisto di una nuova Tac
Previsto l’acquisto di una nuova Tac a 64 strati per l’ospedale per acuti di Codogno: l’Asst chiederà un contributo a Regione Lombardia

L’Asst batte cassa in Regione per l’acquisto di una nuova Tac a Codogno

Esami più veloci ed efficaci in ospedale, servono però almeno 580mila euro

Nuova Tac per l’ospedale di Codogno, chiesti 580mila euro alla Regione Lombardia. L’Asst di Lodi guidata dal manager Massimo Lombardo ha approvato un’ipotesi di intervento per la sostituzione della Tac nell’ospedale per acuti della Bassa. L’acquisto della nuova apparecchiatura, importante per lo studio di torace, addome, encefalo, vasi del cranio e colonscopia virtuale, comporta una spesa di 350mila euro. L’importo complessivo dei lavori, invece, è di 104mila e le spese tecniche ammontano a 10mila euro. Complessivamente, il costo per la nuova strumentazione ammonta a 580mila euro, che è appunto la cifra chiesta dall’Asst di Lodi alla Regione. Se arriverà l’ok dalla giunta di palazzo Lombardia, a Codogno arriverà un’apparecchiatura a 64 strati.

Ieri, intanto, sempre a Codogno, tutti i 14 pazienti dell’ortopedia sono stati spostati, a causa del caldo, nel reparto di ostetricia e ginecologia del presidio. L’ortopedia, infatti, è raffrescata solo con i “pinguini” e, nei giorni di gran caldo, questi non sono sufficienti.

L’ortopedia di Codogno, affidata al coordinamento del medico Andrea Leorati e della primaria Erika Viola, fa funzionare le sale operatorie 5 volte alla settimana. In totale, l’ortopedia effettua una ventina di interventi alla settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.