Lodi, quanti ostacoli per i ciclisti
Il presidente della Fiab di Lodi in via Magenta durante il nostro reportage (Foto Crespiatico)

Lodi, quanti ostacoli per i ciclisti

Il nostro giornalista ha percorso la città su due ruote con il presidente della Fiab: ecco la mappa dei punti a rischio

Lodi

Poca manutenzione e scarsa progettualità, con problemi che si sono accumulati negli anni: questo il bilancio emerso da un viaggio per le piste ciclabili di Lodi insieme a Giuseppe Mancini, presidente Fiab Ciclodi, che da anni si batte per una città a misura di bicicletta.

Il nostro reportage parte dalla zona di viale Milano, un vero incubo per i ciclisti: la pista è tracciata con dello spray e ormai da anni la Fiab ne segnala la pericolosità.

Viale Milano

Anche il centro storico rappresenta più di una trappola. Il presidente Fiab segnala la situazione della Zona 20, di via Magenta e di corso Archinti.

Leggi l’approfondimento sull’edizione de «Il Cittadino» in edicola sabato 29 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.