Lodi, i tronchi ammassati sotto il ponte
Lodi, i tronchi ammassati sotto i piloni del ponte dell’Adda

Lodi, i tronchi ammassati sotto il ponte

Cala la piena dell’Adda e nell’alveo del fiume è spuntata una montagna di legni e detriti trascinati dalla corrente

Cala la piena del fiume e l’Adda presenta il conto: ai piloni del ponte a Lodi si sono ammassati detriti e tronchi che per ragioni di sicurezza andranno rimossi. L’ultimo intervento promosso dal Broletto risale allo scorso ottobre ed è stato coordinato dal Consorzio Bonifica Muzza che ha fatto giungere sulle rive una ditta specializzata con una gru.

«L’Amministrazione comunale provvede a un monitoraggio costante delle condizioni del ponte sull’Adda che al momento non evidenziano criticità - dichiara Stefano Buzzi, assessore alla Protezione civile del Broletto -. Pur comprendendo la legittima preoccupazione “estetica” creata dall’accumularsi di detriti e ramaglie alla base dei piloni del ponte, in questo momento non si rilevano pericoli per la sicurezza dei cittadini e un intervento di rimozione sarebbe dispendioso e poco funzionale. Con ogni probabilità, avvalendoci del supporto del Consorzio Bonifica Bassa Lodigiana, provvederemo, come lo scorso anno, a una pulizia dei piloni prima delle piene autunnali che generalmente depositano tronchi e materiali di una certa entità che potrebbero causare danni alle arcate».

Interviene anche l’Aipo, agenzia interregionale per il fiume Po, che precisa: «La competenza della polizia sotto il ponte è dell’amministrazione comunale. Se il Broletto ci chiederà aiuto faremo la nostra parte».

Delle operazioni di pulizia dell’alveo del fiume dai tronchi erano state effettuate sia in autunno che in estate, in quest’ultimo caso i protagonisti della rimozione erano stati dei volontari. Ed era scoppiata anche una polemica che aveva investito il Broletto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.