Faustina, grido d’allarme del tennis: «Futuro a rischio senza risposte»
Al centro il presidente del centro tennis Garrone, vicino a tre maestri di tennis

Faustina, grido d’allarme del tennis: «Futuro a rischio senza risposte»

Il presidente dell’associazione Garrone: «Da mesi chiediamo chiarezza, ma dal sindaco nessun riscontro»

«Da mesi chiediamo chiarezza al Comune sul futuro del centro tennis Faustina, ma dal sindaco non abbiamo avuto risposte. Così è a rischio la stagione e il futuro di una decina di dipendenti». Si affida ad un appello pubblico Pierluigi Garrone, storico presidente dell’Asd tennis Faustina per denunciare la totale incertezza che pesa sul destino dell’impianto sportivo.

«Il nostro contratto scade a fine anno. E nessuno dell’attuale amministrazione comunale ci ha comunicato cosa hanno intenzione di fare con questa struttura – continua Garrone – senza riscontri non possiamo programmare i corsi e le attività. Sono qui da 41 anni e mi sembra inverosimile non avere nemmeno un’informazione da chi amministra questa città».

Preoccupazione emerge anche dai dipendenti, i maestri di tennis. «Non è giusto che ci chiudano le porte in faccia, è in gioco il nostro lavoro», sottolinea Vera Griffini. E Alessandra Dell’Aversana con Stefano Mocciola aggiungono: «Che ci diano almeno delle riposte, i nostri allievi ci chiedono se ci saranno ancora i corsi a gennaio».

L’attività della scuola tennis si svolge da metà settembre a metà giugno: in questa situazione di incertezza i maestri non sanno se verrà garantita una continuità o se dovranno cercare altri impianti.

Il centro tennis Faustina è di proprietà comunale e dato in gestione ai privati: ci sono sei campi coperti e organizza corsi per 140 bimbi. «Dopo varie sollecitazioni agli assessori Maggi, Rizzi e all’ingegnere Ligi (dirigente dell’ufficio tecnico comunale) non siamo ancora riusciti ad avere un appuntamento per dei chiarimenti sulle sorti della nostra attività – rimarca Garrone – è una situazione paradossale, ci sentiamo abbandonati. E non siamo certi cittadini di serie B. Qui si svolge un servizio sportivo per la città, siamo ormai un’istituzione da 40 anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.