Se il cane sporca lungo la strada le analisi condurranno al padrone
Novità in vista per i rifiuti Archivio

Se il cane sporca lungo la strada il Dna porterà al padrone

San Giuliano, la novità contenuta nelle linee guida del prossimo regolamento sui rifiuti

Un modo sicuramente innovativo per cercare di risolvere una piaga che colpisce tutti i centri abitati. I biologi analizzeranno le deiezioni canine che sporcano i marciapiedi di San Giuliano: lo scopo sarà quello di risalire al Dna dell’animale e quindi al nominativo del rispettivo proprietario a cui verrà comminata una multa.

Per rendere operativo il progetto sarà necessario creare una sorta di anagrafe del Dna degli animali, prelevando loro della saliva al momento dell’installazione del microchip. La stessa procedura dovrebbe coinvolgere comunque anche i cani già dotati di microchip al fine di creare un archivio di dati il più possibile completo.

«Per ora si tratta di esperienze sperimentali - spiega l’assessore all’ecologia Tatiana Francu -, che richiedono la definizione di un regolamento, dopodiché la raccolta spetterebbe agli operatori e le analisi verrebbero condotte da una società specializzata al costo di circa 20 euro ciascuna».l

Il progetto rientra nel futuro bando per l’igiene ambientale che in tema di raccolta differenziata prevede la consegna ai cittadini dei raccoglitori impilabili per le diverse frazioni di rifiuti; i bidoni condominiali saranno dotati di microchip al fine di assicurare un controllo nel conferimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.