Ca’ del Lambro, il Comune pronto a chiedere i danni
L’ingresso a Ca’ del Lambro

Veleni di Ca’ del Lambro, il Comune di Mediglia pronto a chiedere i danni

Il consiglio comunale ha autorizzato il sindaco a “costituirsi in ogni sede” per tutelare l’ente

Il consiglio comunale di Mediglia ha autorizzato il sindaco a chiedere i danni ai proprietari della cascina Ca’ del Lambro per la bomba ecologica scoperta sui terreni di pertinenza. Il via libera a “costituirsi in ogni sede” per tutelare l’ente è stato dato martedì sera dall’aula che ha dato il via libera ad “avviare tutte le procedure necessarie”.

La svolta è recente, successiva all’individuazione da parte di Città Metropolitana di quelle responsabilità che per trent’anni sono rimaste misconosciute. L’ex Provincia di Milano ha diffidato i proprietari della cascina, chiedendo la bonifica dell’area, dove nel corso di decenni si sono sedimentati rifiuti cambiando addirittura il corso del Lambro.

Accertamenti nei terreni contaminati

A fotografare lo scenario è stato il consigliere Renato Falce, che ha presentato la mozione. «Da parte mia, trent’anni fa avevo consegnato una relazione dettagliata su quello che accadeva qui, informando l’allora ex vicesindaco (Enza Citterio, ndr) che ha messo a conoscenza l’ex sindaco (Graziano Giovannelli, ndr) – dichiara Falce -. Purtroppo nulla si è mosso e ci siamo trascinati fino ai nostri giorni con un inquinamento di vaste proporzioni sul nostro territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.