Pacià ‘l paciota, l’è a laurà che’l burbota:düra guera che mi resisti…

Pacià ‘l paciota, l’è a laurà che’l burbota: düra guera che mi resisti…

di Modesto Tonani

‘N d’la civiltà d’la cumpesina, gh’n’era per tüti ‘pena föra d’la cüna, da sul a sul a San Giuan che’l met la camamela ‘ sügà sü’l scagn e da lüna ‘ lüna ‘ San Basan cu’ la sbanegia ‘n man: büscajà ‘renta ‘ le piante, cürà i biuton nel nin, per rane ‘ per pes, quan se pudeva, sensa fà maron; a föra cu’i mansöi o ‘ndà ‘mparà ‘l mesté del purteghet da ‘n marengon, dal frè d’la casina, del pais o d’ suravia, magari cu’l cuncurs d’la stasion d’la feruvia ch’la scürteva l’inguila cun la cità de Sant’Ambrös, föra da l’üs siamesesia. Manchea dumà la vöja, perché de bisogn gh’n’era da vend; e men che men, a cà de scola Cirlin dal Bas la gh’eva prunta la sachela: erba p’r i puj mai pü saduj; füsi da rustì per sena lasenda biut un gravisin che’l gneva bon insema ‘ le broche per la stüa; büti per la minestra, funsi e tepa p’r el presepi de Nadal… Püsè grandina, dopu la filastroca ‘ la maestra bela, ‘Incöӧ l’è l’ültim dì, duman l’è la partensa, ciau maestra tencia, a scola ghe vegni pü’, ‘nvèr la metà de giügn, invece de stà ‘n gir a gingiunà o birlunà, la ‘ndea ‘ butiga ‘ ‘mparà ‘n mesté. E le giurnade i diventevu dupie o tripie: a cà la mama l’er cunfencia e’l poch guadagn el gneva ‘n cà da la porta ma ‘l ‘ndeva sübet föra da la finestra, sichè, un po’ da le suore per vegn indré cun la minestra bele prunta, ‘n d’un grüp estiv de prima man due se’mpareva l’oltra metà del mund: cüsì’l ricam p’r el curedin da spuša tra ‘n qual an. Da le sartine se ‘mpareva ‘ met èl cül ai calson e tegn da cünt un guardaroba semper püsè cunsunt. La siura Neta, magra ‘me ‘n picös, la ghe ‘nsegneva ‘ tacà e destacà i buton, cu’l didal gros strengiüd da ‘n gir de carta de giurnal sü’l por didin mai pü sadul; le surele Viganò, negre ‘me scurbat e lecade tame la sala ‘ntica d’la sò cà, i ghe ‘nsegnevu a ricamà de fin, e da ‘na pesa gneva föra ‘n mund de perfesion e de magia sberlüsenta da lasà sensa respir. Ver quat’r ur del dopdisnà, de scundon d’la mama ch’l’era ‘ cà cu’i sò pendisi, per dagh’la vuncia, riveva ‘l tasinin de tè cu’l marsalin de giunta e ‘na fergüja d’bisulan, vün d’i segreti da purtà ‘n d’la tumba, vurè guardà ‘na gula ch’la premieva la fiuleta de tanta remision fai sü ‘n d’i pori osi ch’i se metevu a bot ver quat’r ure de not e gh’n’evu fin a sira negra; e men che men, Cirlin, mai straca, la fea la spöla tra ‘l frad’lin, pà Giuanin e mama Marieta per dersedai e veda s’i eru amò ‘ndurmenti… - O Signur, tudèm la mort e lasèm un po’ de vita – pà Giuanin da la sò branda urmai scavisa – s’ò fai de mal al mund per purtà ‘na crus insì tegnisa… E men che men, la reson l’er amò sua perché, diseva nona Rusina, quel che se fà se gh’à da fal in vita… e semper punti al giögh perché la dignità de l’om la pasa per la sò fadiga, e la benedision de Nost Signur che’l feva d’una vita de bisogn un segn de remision due tüt ciapea saur ‘n d’le man d’una fiulina che, tra ‘n nigul e ‘n rag de sul, la feva la sò part tra ‘na vulada ‘l Bas, ‘na cursa da la nona ‘ Cucinel o ‘ndà ‘ prued, a töӧ dü èti de stachete o de müs pest.

Nel menter gneva ‘ löӧ la remision del mund e ‘l treno che paseva da Scügnai l’à catad sü ‘na sgarsulina piena de vergogna ma franca ‘me ‘na busia da cüntà sü ‘n d’l’urtaja ‘pena gnüda ‘ cà da scola… Ne la cità de Sant’Ambrös pareva de vès al Bas quan gneva sü maraja e ‘l s’cepeva tüs cos, ma guai turnà ‘n dré ‘n pas: cüntenda i pochi nene nel bursin, sgangerla la riesiva ‘ fà ‘l puciot cun tüt l’unur del mund ne la semplicità d’una mision ch’la riva da luntan:

- Te se guadegnarè ‘l pan cu’l südur d’la frunt – e cara grasia ries a fagh’la dì, perché quel che lüsis al mund l’è no tüt or e quel che gh’è ‘n butiga l’è da vend ma no da tö. Sichè, tanti ben i s’àn smaridi o i àn mes’ciad un po’ d’malisia cun la cücagna che tüti ‘ dì l’è prunta per chel tal Pinochio ch’l’èr stai tirad a trampa… Cirlin, a testa alta, la gneva ‘ndré cun la cusciensa neta e semper cuntenta, strensenda nel bursin ‘na qual palanca, fiöla d’un om ch’l’à fai d’la dignità la sò virtü e l’à cercad fin a la fin de met d’acordi ‘l diaul cu’ l’aqua santa, roba sernida e roba da munton, quei ch’la san lunga cu’n bris de remision… Un dì el pà èl ghe dumanda ‘l fiöl: - Te ciapi ‘l treno tüti ‘ dì, te vè a ‘mparà ‘n mesté ma ‘ mi te m’è gnamò dì gnent…

- Lünedì em lasad lì d’laurà perchè era rivad un urdin da föra, martedì em suspes ogni atività, merculdì è stai sarad l’esercisi; giuedì em sciuperad cun i sarturi, perchè la dona l’è nel sudalisi; e venerdì ch’i àn fai el cumisi son stai d’acordi cun quei semper fencisi. Sabet em spetad la decision cun una bicerada sucialista ’nsema ‘i cumpagni d’la cumision; nel menter em firmad una prutesta cuntra la decision d’la burghesia capitalista ch’la vureva fam laurà an a la festa.

Düra guera che mi resisti…

tino.vet@libero.it

Marieta e Giuanin pipeta

MANGIARE MANGIOTTA, È A LAVORARE CHE BORBOTTA. DURA GUERRA CHE IO RESISTO… (traduzione)

Nella civiltà della compesina, ce n’era per tutti appena fuori dalla culla, da sole a sole a San Giovanni che mette la camomilla ad asciugare sugli scanni e da luna a luna a San Bassiano con la pertica in mano: raccogliere i ramoscelli vicino alle piante, curare gli implumi nel nido, per rane e per pesci, quando si poteva, senza farsi prendere; al pascolo con le manze o andare ad imparare un mestiere di rincalzo da un falegname, dal fabbro della cascina, del paese o forestiero, magari col concorso della stazione della ferrovia che accorciava la distanza con la città di Sant’Ambrogio, ad un dipresso comunque fosse. Mancava solo la voglia, perché di bisogno ce n’era da vendere; e nondimeno, a casa da scuola, Cirlin dal Bas aveva pronta la sacchetta: erba per i polli mai sazi; pannocchie da arrostire per cena lasciando nudo un tutolo utile insieme alle brocche per la stufa; germogli per la minestra, funghi e muschio per il presepe di Natale... Più grandicella, dopo la filastrocca alla maestra bella, ‘Oggi è l’ultimo giorno, domani la partenza, ciao maestra tinta, a scuola non vengo più’, verso la metà di giugno, invece di stare in giro a bighellonare, andava a bottega ad imparare un mestiere. E le giornate diventavano doppie o triple: a casa la mamma era malata e il poco guadagno arrivava dalla porta ma usciva subito dalla finestra, pertanto, un po’ dalle suore per tornare indietro con la minestra già pronta, in un gruppo estivo di prima mano dove si imparava l’altra metà del mondo: cucire il ricamo per il corredino da sposa prossimo venturo. Dalle sartine si imparava a rattoppare pantaloni e gestire un guardaroba sempre più logoro. La signora Netta, magra come picchio, le insegnava ad attaccare e staccare i bottoni, col ditale grande stretto da un giro di carta di giornale sul povero dito sofferente; le sorelle Viganò, nere come cornacchie e azzimate come la sala antica della loro casa, le insegnarono a ricamare di fino, e una pezza si trasformava in un mondo di perfezione e di magia luccicante da togliere il respiro. Verso le 4 del pomeriggio, di nascosto dalla mamma che era a casa coi suoi fardelli, per darle un contentino, arrivava la tazzina di tè col marsalino in aggiunta e una briciola di bissolano, uno dei segreti da portare nella tomba, a ben vedere una gola che premiava la bimbetta per tanta remissione avvolta nelle povere ossa che si mettevano a partito verso le 4 di notte e ne avevano fino a sera fatta; e nondimeno, Cirlin, indomita, faceva la spola tra fratellino, Papa Giovannino e mamma Marietta svegliandoli per vedere se erano ancora addormentati... - O Signore, toglietemi la morte e lasciatemi un po’ di vita – papà Giovannino dalla sua branda ormai profanata – cosa ho fatto di male al mondo per portare una croce così tenace?... E nondimeno, la ragione era ancora sua, perché, diceva nonna Rosina, quello che si fa si deve farlo con convinzione... e sempre punti al gioco, perché la dignità dell’uomo passa per la sua fatica, e la benedizione di Nostro Signore che faceva di una vita di bisogno un segno di remissione dove tutto prendeva sapore nelle mani di una bimbetta che, nondimeno, faceva la sua parte tra una volata al Basso, una corsa dalla nonna a Coccinello o andando a fare la spesa, a prendere due etti di stacchette o di muso pesto. Nel frattempo, arrivava la consapevolezza del mondo e il treno che passava da Secugnago ha raccolto una ragazzina piena di vergogna ma franca come una bugia da raccontare nell’ortaglia appena tornata da scuola... Nella città di Sant’Ambrogio sembrava di essere al Basso quando veniva il temporale e spaccava tutto, ma guai recedere di un passo: contando i pochi soldi nel borsellino, Sgangerla riusciva a trovare la quadra con tutto l’onore del mondo nella semplicità di una missione che arriva da lontano: ‘Ti guadagnerai il pane col sudore della fronte’ – e cara grazia riuscirci, perché quello che riluce al mondo non è tutto oro e quello che c’è in bottega è da vendere ma non da comprare. Pertanto, parecchi si sono smarriti o hanno mescolato un po’ di malizia con la cuccagna che tutti i giorni è pronta per quel tal Pinocchio che venne raggirato… Cirlin, a testa alta, tornava con la coscienza pulita e sempre contenta, stringendo nel borsellino qualche palanca, figlia di un uomo che ha fatto della dignità la sua virtù e ha cercato fino alla fine di mettere d’accordo il diavolo con l’acqua santa, roba scelta con roba da ammasso, quelli che la sanno lunga con un po’ di pietà cristiana... Un giorno il padre dice al figlio: - Prendi il treno tutti i giorni, vai a imparare un mestiere ma a me non hai ancora detto nulla…

- Lunedì abbiamo smesso di lavorare perché era arrivato un ordine da fuori, martedì abbiamo sospeso ogni attività, mercoledì è stato chiuso l’esercizio; giovedì abbiamo scioperato coi sarti, perché la donna è nel sodalizio; e venerdì, che hanno fatto il comizio, sono stato d’accordo con gli scansafatiche. Sabato abbiamo aspettato la decisione con un brindisi socialista insieme ai compagni della commissione; nel frattempo abbiamo firmato una protesta contro la decisione della borghesia capitalista che voleva farci lavorare anche alla festa. Dura guerra che io resisto…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.