Se volete fare il giardiniere, l’alloggio è gratis, e non solo

di Caterina Belloni

Siete stanchi della routine e sognate di dare una svolta alla vostra vita. A darvi una mano è il Regno Unito, dove da qualche giorno è apparsa un’offerta di lavoro davvero originale. Una famiglia nobile va in cerca del giardiniere capo per l’isola di Saint Michael’s Mount, che si trova al largo della Cornovaglia.

Si tratta di un’isola privata, con un antico castello, gestito dai proprietari insieme al National Trust. Ogni anno sono 60mila i visitatori di questo paradiso perduto, che si raggiunge in traghetto partendo da Marazion o, talvolta, a piedi. Perché Saint Michael’s Mount è una specie di piccola Mont Saint Michel, visto che esiste un percorso roccioso che la collega alla terra ma che è percorribile solo con la bassa marea. Un luogo accessibile di rado, che ha intorno a sé un alone di mistero.

Sull’isola, di proprietà della famiglia St. Aubyn, esiste un giardino che accoglie essenze rare e piante altrove dimenticate.

Se ne occupa una squadra di giardinieri, ma il responsabile ha appena dato le dimissioni e dunque si va in cerca di un sostituto. Che oltre allo stipendio (non si forniscono dettagli, ma pare molto più che dignitoso) avrà anche casa gratis sull’isola, una piccola e amichevole comunità dove risiedono alcune decine di persone.

L’incarico si svolgerà in mezzo alla Natura ovviamente: prevede pianificazione, ricerca sulle specie antiche e nuove e lavoro pratico da compiere in condizioni spesso non proprio agevoli. Questo è l’unico neo dell’incarico, che si presenta come vario, insolito e in uno scenario unico. Perché il giardiniere capo dovrà avere la capacità di camminare in montagna velocemente, di spostarsi sulle rocce come se fosse su un tappeto di velluto, di sapersela cavare anche in condizioni non agevoli. Ad esempio, spetterà a lui calarsi in corda doppia dalle torri del castello per riuscire a tagliare i cespugli che rovinano l’impatto visivo del maniero. Dovrà ripulire, potare, seminare, controllare.

Servono competenza tecnica, capacità atletica, degli scarponcini a prova di bomba. Chiunque avesse queste frecce al suo arco può spedire il curriculum entro il 7 giugno e aspettare la convocazione per un colloquio, che verosimilmente sarà temuto in persona dagli eredi della famiglia St. Aubyn.

Il prescelto verrà assunto e comincerà direttamente la sua attività nell’isola, che secondo molti è un luogo magico. La leggenda sostiene infatti che fosse abitata da un gigante malvagio chiamato Cormoran, che vi si rifugiava dopo aver rubato il bestiame sulla terraferma in Cornovaglia. Un vero disastro per gli abitanti della costa, protrattosi finché Jack, un ragazzo senza arte né parte, il solito eroe scavezzacollo, non si è recato sull’isola per combatterlo e ha avuto la meglio.

Ora non è dato sapere se l’identikit del nuovo capo giardiniere assomigli a quello dell’eroico Jack, ma il sospetto esiste. Anche perché anziché contro il gigante, il prescelto dovrà combattere contro la violenza della Natura, che almeno in certi angoli del mondo dimostra ancora la sua potenza. Scalare, discendere, potare, strappare.

Il nuovo giardiniere avrà giornate pesanti, ripagate dalla gioia di godersi un tramonto sul mare come pochi altri, seduto fuori dalla casetta che viene concessa a chi si accaparra il posto, senza affitto, mutuo o oneri di spesa alcuna.

Al giorno d’oggi un vero lusso. Per cui si potrebbe davvero ingaggiare una battaglia contro un gigante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.