Si sbriciola il palazzo del governo: piovono pietre sui tavolini del bar
I vigili del fuoco hanno controllato la stabilità di tutta la facciata

Crollo di calcinacci dalla Prefettura, si attende la relazione dei vigili del fuoco

L’immobile è del Comune, ma è aperta da tempo una “vertenza” per il mancato pagamento degli affitti

Il centro storico di Lodi ha vissuto ore convulse ieri, con la caduta di pezzi di intonaco dalla Prefettura e la chiusura prima di via Volturno e poi di corso Umberto per la messa in sicurezza e le verifiche dei vigili del fuoco. Il palazzo della prefettura è di proprietà del Comune di Lodi, a cui spettano le manutenzioni. Fra i due enti è anche aperta da tempo una “vertenza” per il mancato pagamento degli affitti da parte del ministero, per un ammanco per le casse comunali che attualmente è pari a 300mila euro.

«Ora aspettiamo la relazione dei vigili del fuoco - viene riferito da palazzo Broletto -, poi faremo un nuovo sopralluogo e valuteremo quali interventi sono necessari per mettere lo stabile in sicurezza, tenendo conto però che si tratta di un immobile vincolato dalla sovrintendenza alle belle arti e che ogni intervento dovrà essere concordato con loro».

La chiusura di via Volturno ha creato qualche disagio sia ai passanti sia ai titolari dei negozi. Anche per questo i vigili del fuoco hanno lasciato sulla strada i calcinacci caduti, affinché fosse chiaro il motivo di quell’intervento e il grave pericolo che tutti avevano corso quella mattina. Nel frattempo i tavoli esterni dei bar (in quel tratto di via Volturno ce ne sono due) sono stati tolti. Dopo l’iniziale chiusura in ogni caso è stata transennata solo la facciata del palazzo della prefettura, lasciando la possibilità di entrare alle Poste e agli uffici dei servizi sociali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.