Una nuovo quartier generale per la Protezione civile
I mezzi della colonna mobile della Protezione civile a San Rocco

Una nuovo quartier generale per la Protezione civile

A San Rocco al Porto l’inaugurazione della sede della colonna mobile

Una nuova sede, più adatta ad ospitare adeguatamente il personale e i mezzi della Colonna Mobile provinciale di Lodi. E’ stata inaugurata oggi, a San Rocco al Porto, mettendo assieme le esigenze di AiPo (l’Agenzia interregionale per il fiume Po) e di Regione Lombardia con Provincia di Lodi: da una parte potenziare i propri presidi nel territorio rivierasco del Po, preservando un bene pubblico, e dall’altra avere a disposizione di un ricovero logistico più adeguato per la Protezione civile.

Il taglio del nastro a San Rocco per la nuova sede della colonna mobile

Principalmente, l’intervento di adeguamento eseguito riguarda la realizzazione di due tensostrutture su un’area di oltre 4.000 mq, che si configurano come veri e propri capannoni per il rimessaggio di mezzi, attrezzature e veicoli. Le strutture hanno un’estensione rispettivamente di 160 e 560 metri quadrati per complessivi 720 metri quadrati coperti, con un’altezza media utile di oltre 5 metri.

«Oggi, grazie alla sinergia con AiPo - ha commentato l’assessore regionale al Territorio e Protezione civile - abbiamo realizzato un’opera di grande valore. Un qualificato presidio territoriale per la tutela dell’incolumità e della sicurezza della popolazione, che potrà garantire interventi rapidi ai cittadini e a protezione delle infrastrutture nel fronteggiare emergenze e calamità naturali. Quello di oggi è dunque un tassello fondamentale per la nostra struttura provinciale di Protezione civile: la sede è il vero centro nevralgico delle attività dei volontari. Ciò significa - ha concluso l’assessore - più sicurezza per gli operatori e una migliore gestione delle situazioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.