Droga e bilancino sotto il letto, denunciato un richiedente asilo
Il 29enne nigeriano è finito nei guai dopo un controllo effettuato dai carabinieri in centro paese

Droga e bilancino sotto il letto, richiedente asilo denunciato a Ospedaletto

Un 29enne nei guai per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

Nascondeva la droga e un bilancino di precisione sotto il letto: finisce nei guai un richiedente asilo nigeriano, ospite del centro di accoglienza di Ospedaletto. Sabato lo straniero, O.O. le sue iniziali, 29 anni, incensurato, stava passeggiando in paese per le vie del centro quando è stato fermato dai carabinieri della stazione di Orio Litta per un controllo e trovato in possesso di quattro dosi di marijuana.

I militari hanno quindi proceduto alla perquisizione della stanza del migrante presso la struttura che lo ha accolto e qui è avvenuta la scoperta: sotto il letto dove dorme c’era infatti un altro quantitativo di marijuana, per un totale di 16 grammi, e un bilancino di precisione usato per pesare la droga e dopo averla suddivisa in dosi, essere spacciata. Elementi sulla base dei quali i carabinieri hanno denunciato a piede libero il nigeriano per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Ma l’episodio non è il primo che coinvolge un richiedente asilo della comunità di Ospedaletto. Un caso analogo è avvenuto poco meno di un anno fa, a luglio, protagonista un nigeriano di 27 anni ospite della struttura, arrestato dai carabinieri di Orio Litta nei pressi della stazione ferroviaria di Ospedaletto dopo aver cercato di fuggire e di disfarsi di uno zaino contenente 126 grammi di marijuana. Nei confronti del nigeriano erano quindi scattate le manette, ma in tribunale a Lodi, durante l’udienza di convalida dell’arresto, lo straniero si era difeso sostenendo che non era suo lo zaino né tanto meno la droga.


Per il 29enne O.O. il rischio a questo punto è di vedere svanire la sua richiesta di asilo in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.