Luci e ombre sull’occupazione in attesa dei 400 della San Carlo
Un’operaia al lavoro all’Introini, una scena che purtroppo non si ripete più

Luci e ombre sull’occupazione nel Sudmilano in attesa dei 400 della San Carlo

Melegnano, una rivoluzione per il mondo del lavoro tra l’addio all’Introini e i timori per la Tamini da un lato e la nascita del nuovo polo da un altro

L’Introini che chiude dopo quasi un secolo e l’eterno rebus sul destino della Tamini. Ma anche il maxi-polo della San Carlo e il futuro dell’ex Bertarella, per cui si parla di attività industriali, commerciali e legate al terziario. Tra luci e ombre Melegnano si prepara alla rivoluzione nel mondo del lavoro, che porterà profondi mutamenti nella realtà locale.

A fine marzo in zona Montorfano ha alzato bandiera bianca l’Introini, l’industria metalmeccanica sorta in città nel lontano 1922: impegnata nel settore automobilistico, dopo il passaggio alla multinazionale tedesca Wegmann Automotive, le commesse hanno subito un progressivo calo, tanto da rendere inevitabile la chiusura comunicata senza alcun preavviso ai sette lavoratori residenti tra Borghetto Lodigiano, Melegnano, Caselle Lurani e Dresano, per i quali non sarà certo semplice trovare una nuova occupazione.

C’è poi il caso della storica Tamini, azienda leader a livello mondiale per la produzione di trasformatori, che per oltre sessant’anni ha avuto a Melegnano il proprio quartier generale: dopo il passaggio al gruppo Terna, però, gli uffici amministrativi sono stati trasferiti a Legnano, mentre lo stabilimento produttivo sulla via Emilia è interessato da una complessa bonifica ambientale. Con i vertici della Tamini alla ricerca di una nuova area sul territorio per dar vita ad un polo adibito alla manutenzione e riparazione dei trasformatori, da un paio d’anni i 50 lavoratori del Melegnanese devono raggiungere gli stabilimenti di Legnano, Ospitaletto, Rodengo e Novara.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.