Bimba sparisce dal centro profughi dopo essersi allontanata con la zia
Il Rocca Barra ospita un centro profughi, dove era ospite la piccola di 11 anni originaria della Sierra Leone

Una bambina di 11 anni sparisce dal centro profughi di San Colombano

La piccola si è allontanata insieme alla zia, si indaga per sottrazione di minore

Una bambina del centro profughi Rocca Barra di San Colombano non fa più rientro in struttura dopo essersi allontanata con la zia, aperto un fascicolo d’indagine per sottrazione di minore. Non è il primo caso nel Lodigiano di bambini che dall’oggi al domani se ne vanno, di solito con la famiglia. In questo caso invece la piccola era stata affidata dal giudice del tribunale di Lodi alla tutela del vicesindaco Battista Bianchi. La piccola di 11 anni è originaria della Sierra Leone, ed era arrivata al centro profughi nell’ottobre 2016 senza genitori, periti nella traversata del Mediterraneo.

La bambina è sempre stata sotto le cure di una zia, una ragazza di 23 anni. Iscritta alla scuola elementare, frequentava la classe quarta. Alcuni giorni fa, zia e nipote avevano ottenuto il permesso di recarsi in Emilia per un matrimonio, ma non hanno fatto ritorno, e la 23enne si è resa irreperibile, non rispondendo più al telefono.

Da lì è scattata la denuncia. I carabinieri hanno attivato le procedure per rintracciarle anche all’estero, ma senza esito. Nel fascicolo d’indagine risulta indagata solo la 23enne zia della bambina. Non ci sono al momento ipotesi di responsabilità a carico del vicesindaco né del personale del centro profughi. Le procedure formali sarebbero state rispettate.

Il vicesindaco Bianchi

«Come tutore avevo dato indicazioni scritte precise affinché la bambina lasciasse il centro solo con personale di fiducia – spiega Battista Bianchi -. Non conosco il motivo per cui un minore non accompagnato non è stato destinato a una comunità, ma mi sono attenuto alle disposizioni del tribunale. Vediamo come evolverà la situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.