I commercianti del My Lodi: «Noi ci siamo, andiamo avanti»
L’esterno del centro commerciale

La Coop se ne va, ma i negozi del My Lodi non mollano: «Noi andiamo avanti»

Viaggio tra i commercianti della galleria di San Fereolo dopo l’addio del supermercato

«La farmacia Sabbia resterà qui, al My Lodi». Sono spuntati anche questi cartelli all’interno del centro commerciale di via Grandi. L’addio della Coop lascia un intero settore della “galleria” vuoto, con diversi interrogativi sul futuro dell’immobile che in ottobre festeggia i 40 anni di storia.

All’interno del My Lodi regna l’incertezza. La proprietà - Apri spa (gruppo Zucchetti), che aveva rilevato a fine 2018 tramite un contratto di leasing il centro – non ha ancora sciolto le riserve sul nome dell’operatore della grande distribuzione che raccoglierà il testimone da Coop: il target è un operatore del “food”, che non sia un discount.

Con la sua tradizionale insegna, la struttura è diventata ormai un centro di servizi per il quartiere di San Fereolo: ci sono la farmacia, il parrucchiere, il servizio bancomat, un bazar cinese, lavanderia e diversi negozi tra cui cartoleria e abbigliamento.

Per il momento diversi negozianti sono alla finestra, per cercare di capire quali strategie saranno messe in campo dal gruppo Zucchetti per ammortizzare il vuoto lasciato dal marchio Coop. Di certo - così era stato garantito dalla proprietà - le voci di mense aziendali o di altre funzioni da realizzare al My Lodi sono state escluse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.